Home News Sversati liquami in mare a Castel Volturno: che cosa sta accadendo?

Sversati liquami in mare a Castel Volturno: che cosa sta accadendo?

CONDIVIDI

La fase 2 si apre con lo sversamento di liquami nel mare di Castel Volturno. Finito il lockdown, ecco che ripartono gli smaltimenti illegali.

liquami castel volturno

Appena finito il lockdown sono tornati gli sversamenti illegali di liquami nel mare di Castel Volturno. Grazie al blocco della fase 1 le acque erano tornate cristalline, degne di un paradiso. Finito il periodo di confinamento alla foce del canale Agnena, abbiamo visto apparire una macchia nera che ha macchiato la zona di mare tra Castel Volturno e Mondragone, in Campania,. Le immagini sono state catturate da un drone, che ha immortalato una grande macchia nera.

I rilevamenti sulle acque

Con ogni probabilità questa macchia nera è nata da sversamenti illegali. L’Arpac ha fatto i primi prelievi e dovremo attendere qualche giorno per riuscire a stabilire quale siano la giornata la natura di questi liquami. Nel contempo il WWF lancia una petizione.

Il Litorale Domitio è l’ultima vittima di una lunga serie di danni ambientali in Campania. Non possiamo scordare Il fiume sardo tornare scuro, le esplosioni di Ottaviano e della centrale elettrica di Pozzuoli di ieri. Anche lo scorso anno, ma anche in precedenza, si è riversata in mare  un’onda nera. Questi liquami hanno deturpato la foce del lago Patria, finendo in mare  a Giugliano.

Un nuovo disastro della fase 2

A segnalare questo fatto è stato il blog Lo strano Oz, che ha postato le foto catturate con il proprio drone. In un post hanno scritto:

“Sono trascorse poco più di 48 ore dall’inizio della fase 2, due soli giorni per tornale alla normalità, e questo è lo scenario alla foce del canale Agnena: una marea nera che si espande a goccia d’olio su un mare azzurro e apparentemente pulito.”

In un primo momento si è pensato ad una notizia non vera, ma poi ha dato conferma Luigi Petrelle che è il Sindaco di Castel Volturno, attraverso un post condiviso sui social:

Dopo l’allarme di inquinamento e di disastro ambientale.. lanciato con una foto a mezzo web nel primo pomeriggio… è…

Pubblicato da Luigi Umberto Petrella su Mercoledì 6 maggio 2020