Home Lifestyle Cashback: dietrofront del Ministero per i 1500 euro | Cosa cambia, le...

Cashback: dietrofront del Ministero per i 1500 euro | Cosa cambia, le ultime novità

CONDIVIDI

Ecco cosa potrebbe variare, nelle prossime settimane, a causa dei furbetti del Cashback, che hanno abusato del sistema.

E’ dallo scorso periodo di Natale che i cittadini italiani stanno usufruendo dei benefici dati dal Cashback.

Cashback

Sono state tante le sorprese e vari i cambiamenti che hanno interessato questo sistema.

I cittadini dovranno fare i conti con l’ennesima variazione. Ecco cosa sta succedendo.

Continua la corsa al Super Cashback

I cittadini italiani stanno proseguendo con i loro acquisti tramite Cashback. Nelle ultime settimane è stato riscontrato un calo nelle transazioni come non accadeva da mesi.

Dopo l’aumento della curva a causa del periodo pasquale, è probabile che gli italiani abbiano arrestato la loro frenesia.

Non devono però dimenticare che stanno concorrendo anche per il Super Cashback da 1.500 €, un bottino che potranno ottenere entro luglio.

Tale cifra però non è destinata a tutti, ma soltanto a coloro che faranno il maggior numero di transazioni.

In base alle notizie delle ultime ore, però c’è speranza davvero per tutti.

Lo Stato vuole scovare i furbetti

Nelle ultime settimane non si è fatto altro che parlare dei furbetti del Cashback, cioè coloro che fanno acquisti di pochi euro per aumentare esponenzialmente il numero delle transazioni.

Lo Stato sta escogitando dei modi per smascherare i cittadini che usano tale pratica, che non è illegale, ma scorretta nei confronti degli altri partecipanti e degli esercenti.

Il Ministero dell’Economia ha annunciato che ci saranno variazioni in merito.

Per questo motivo non è detto che chi al momento si trova nelle posizioni più basse della classifica improvvisamente non veda spuntare in alto il suo nome.

Questo perché il Ministero potrebbe procedere con la squalifica di tutti coloro che hanno abusato del sistema.

Non ci rimane che attendere per vedere se il Ministero agirà in merito o lascerà tutto com’è adesso!