Home News Stonehenge, come e quando vedere la festa per il solstizio d’estate

Stonehenge, come e quando vedere la festa per il solstizio d’estate

CONDIVIDI

Lo spettacolo che offre Stonehenge al solstizio d’estate, verrà trasmesso in diretta streaming. La festa non si fermerà causa covid 19, si trasferirà online.

Stonehenge solstizio

L’evento che si tiene a Stonehenge durante il solstizio d’estate non si fermerà, si trasferirà semplicemente online. Il confinamento non eliminerà le celebrazioni per quest’evento, verranno trasmesse in diretta streaming.

Le celebrazioni del solstizio

Ma cos’è il solstizio d’estate? Si tratta del momento in cui il Sole raggiunge il cosiddetto zenit, cioè il punto più alto rispetto all’orizzonte, in quello che il suo tragitto annuale. Nell’emisfero boreale (quello nord) abbiamo il giorno più lungo dell’anno. Quest’anno inizierà il 20 giugno alle 23.43, anticipando la data convenzionale di poco più di un quarto d’ora.

A Stonehenge annualmente accorrono moltissime persone, alcuni curiosi, altri seguaci dell’antica religione, guidati dai druidi. Attraverso i monoliti preistorici, possiamo seguire il tragitto del sole, che filtrano attraverso le porte. Quest’anno le solite migliaia di turisti che non potranno partecipare ma non saranno delusi godendo dello spettacolo via streaming.

L’English Heritage ha annunciato su twitter l’iniziativa, società che si occupa e gestisce oltre 400 monumenti e luoghi di interesse storico in Gran Bretagna. L’ente conferma la diretta, mantenendo il riservo sui dettagli:

“Per la sicurezza e il benessere di tutti, abbiamo dovuto annullare le celebrazioni del solstizio d’estate di quest’anno a Stonehenge Sappiamo quanto sia speciale questa occasione per molti di voi e quindi saremo in diretta streaming gratuitamente.[…] Abbiamo parlato con i servizi sanitari, la comunità dei druidi e dei pagani e altri prima di prendere questa decisione e non vediamo l’ora di dare nuovamente il benvenuto a tutti l’anno prossimo”.

Un ulteriore modo per poter viaggiare nonostante le norme per il contenimento della pandemia. Si è deciso di tutelare ulteriormente i partecipanti al rito, fedeli o semplici curiosi, evitando assembramenti pericolosi, senza rinunciare alle celebrazioni.