Home News Stoccolma, ragazzina vittima della guerra tra gang: uccisa da un proiettile vagante

Stoccolma, ragazzina vittima della guerra tra gang: uccisa da un proiettile vagante

CONDIVIDI

Una tragedia consumatasi a Botkyrka sconvolge la Svezia: una ragazzina vittima della guerra tra gang uccisa da un proiettile vagante mentre passeggiava con il cane.

funerale

A Stoccolma una ragazzina vittima della guerra tra gang: uccisa da un proiettile vagante mentre portava a spasso il cane.

Il terrore si è diffuso nel piccolo quartiere Botkyrka dopo la notizia della morte della giovane Adriana Ostrowska, 12 anni.

La ragazzina camminava per strada ed è rimasta tristemente e involontariamente coinvolta in una sparatoria tra gang della zona.

Proprio in seguito a questo triste accaduto il ministro della Giustizia Morgan Johansson ha promesso:

più polizia e sentenze più dure

Mikeal Damber, il ministro dell’Interno, ha dichiarato costernato: ‘Sono sotto shock e senza parole, posso solo essere vicino nel dolore ai familiari della povera giovane’.

Sul luogo della morte della giovane i suoi amici e compagni di scuola hanno portato fiori e candele e la ricordano con nostalgia e amore:

Era piena di vita, non la dimenticheremo

Per il paese non è ancora facile dimenticare la tragedia di Wilma Anderson accaduta l’anno scorso: uccisa brutalmente dall’ex ragazzo che l’ha decapitata e ha poi messo la testa in una valigia.

E ora la morte di una giovane ragazza svedese vittima di guerra tra gang colpisce il paese dritto al cuore.

Le guerre tra gang dilaniano le città svedesi

Adriana Ostrowska stava passeggiando innocentemente domenica scorsa quando improvvisamente da una macchina in corsa sono stati sparati dei colpi di pistola.

Non erano indirizzati a lei ma questo purtroppo non l’ha salvata dal suo triste destino.

La giovane stava portando a spasso il cane in tutta tranquillità quando un proiettile vagante l’hai ferita a morte.

Adriana è l’ennesima vittima di un’aspra guerra tra gang che oramai dilania la città da qualche anno.

Le dinamiche non sono ancora del tutto chiare ma la polizia sta cercando gli autori di questa tragedia senza sosta.

Le indagini sono in corso e la polizia sta cercando instancabilmente sia di scovare i colpevoli sia di capire a chi era indirizzato il proiettile per evitare ulteriori morti.

In base ad una prima ricostruzione dei media locali la ragazzina è capitata nel mezzo di uno scontro a fuoco tra dei membri di una banda criminale.

La gang non aveva intenzione di colpire la dodicenne ma purtroppo è capitata nel posto sbagliato al momento sbagliato.

A Stoccolma come in altre grandi città svedesi la guerra tra gang rivali è all’ordine del giorno.

Solo da gennaio 2020 ad oggi sono 20 i morti coinvolti in 163 sparatorie in base ai dati ufficiali della polizia. L’anno scorso in 334 sparatorie sono morte 42 persone.

Proprio l’anno scorso il governo svedese ha istituito una Task Force speciale per combattere questa violenza oramai divenuta incontrollabile.

La polizia potenziata e la sorveglianza sempre più stringente non hanno però evitato la morte della giovane Adriana.