Home Politica Stato di emergenza, il governo valuta la proroga al 31 gennaio 2021

Stato di emergenza, il governo valuta la proroga al 31 gennaio 2021

CONDIVIDI

Per lo stato di emergenza ora il Governo valuta una proroga al 31 gennaio. E ci sono novità sull’app Immuni.

Stato di emergenza, il governo valuta la proroga al 31 gennaio
Immagine di repertorio

L’allarme Covid non smette di far preoccupare e per questo motivo ora il Governo pensa di prorogare lo Stato di Emergenza al 31 gennaio 2021.

Stato di emergenza al 31 gennaio 2021?

Il Governo è in sede di valutazione in merito all’estensione per l’emergenza Covid sino al 31 gennaio 2021 ovvero ad un anno dalla prima misura che è stata attuata dopo la scoperta della pandemia.

Al momento la proroga ha una scadenza al 15 ottobre ma gli esperti del CTS hanno consigliato di allungare i tempi viste le nuove condizioni e i nuovi numeri che stanno emergendo giorno dopo giorno. Il dossier – come si legge su Repubblica – è ora sul tavolo della riunione dei capi di delegazione dopo il Cdm di ieri notte con il Premier Giuseppe Conte.

Durante la riunione si è anche parlato della app Immuni per sensibilizzare il più possibile gli italiani al sistema. Alfonso Bonafede ha pensato di attuare una maratona televisiva al fine che tutti gli italiani siano concretamente invitati a scaricare l’applicazione capendone l’utilità.

I numeri in aumento e le Regioni

In effetti, come evidenzia anche il Corriere della Sera, i numeri sul contagio sarebbero stabili attualmente anche se con la riapertura totale delle scuole si teme un peggioramento teorico. Nessuna regione al momento è a zero casi, per questo motivo il Governo batte sulla questione e non vuole trovarsi impreparato.

Oltretutto c’è una corsa contro il tempo per tutte le persone che hanno fatto richiesta del vaccino anti influenzale. I medici hanno fortemente consigliato di vaccinarsi in quest’anno così particolare al fine di escludere i sintomi di una normale influenza e aiutando i servizi sanitari a scindere le varie problematiche.

Le Regioni hanno provveduto ad assicurarsi le dosi che sono necessarie a far fronte a tutte le richieste in essere.