Home News Stati Uniti, il freddo degli ultimi giorni fa registrare 30 decessi

Stati Uniti, il freddo degli ultimi giorni fa registrare 30 decessi

Non solo morti, la maxi tempesta di freddo ha rimasto senza elettricità milioni di persone in tutti gli Stati Uniti.

Stati Uniti
Sono più 2mila i voli negli Stati Uniti cancellati.

Ad oggi sarebbero almeno 30 i morti registrati negli Stati Uniti a causa della maxi tempesta che ha colpito tutta la nazione. Quest’ultima ha lasciato senza energia elettrica milioni di persone, oltre ad aver provocato diversi tornado nel sud-est del paese, tra Texas, Louisiana, Kentucky, North Carolina e Missouri.

Nel sud est del paese si sono creati dei tornado mortali

La mancanza di elettricità, inoltre, è stata maggiormente accentuata dall’ arrivo del freddo. La bassa temperatura, infatti, è arrivata nel paese mercoledì e perdurerà almeno sino a questo fine settimana.

La tempesta non consentirà l’apertura dei centri per il vaccino in Texas

Secondo il National Weather Service però l’Artico starebbe iniziando a schiarirsi anche se le temperature nel centro dell’America si manterranno sui 10°, al di sotto delle norme stagionali.

A causa delle temperature proibitive, inoltre, quest’oggi i centri per i vaccini anti covid di Houston, capitale del Texas, resteranno chiusi. A comunicarlo, infatti, è stato direttamente il dipartimento della Sanità.

La tempesta polare naturalmente ha anche costretto la cancellazione di diversi voli, 2300 per la precisione. In particolare, secondo il sito flightware.com, solo dagli scali di Houston, Bush Intercontinental e Hobby, i voli cancellati sono oltre 700, sottolineando come il Texas sia la zona maggiormente colpita dalle intemperie.

La speaker della Camera, Nancy Pelosi, inoltre, ha espresso solidarietà presso la regione, facendo anche i complimenti al presidente Biden per l’immediata dichiarazione di stato di emergenza.

“Il nostro team e la Fema (Federal Emergency Management Agency) continuano a monitorare la situazione in Texas, così come negli altri Stati che potrebbero essere stati impattati dalla tempesta”.

Queste le parole della portavoce della Casa Bianca, Jen Psaki la quale ha provato a tranquillizzare i cittadini sicuramente provati dalle diverse difficoltà portate dalla tempesta polare.