Home Consigli in Cucina Spaghetti alle vongole, l’errore fatale che facciamo TUTTI senza accorgercene

Spaghetti alle vongole, l’errore fatale che facciamo TUTTI senza accorgercene

CONDIVIDI

Spaghetti alle vongole e l’errore fatale che rovina il piatto irrimediabilmente: le 4 regole d’oro da seguire per una pasta davvero eccellente.

pasta con vongole pulite – iStock

L’errore fatale che quasi tutti commettono inconsapevolmente quando cucinano gli spaghetti alle vongole, sapete qual è?

Lo spaghetto alle vongole è un grande classico della cucina napoletana ma farlo bene non è semplice, bisogna seguire alcune regole indispensabili per un’ottima riuscita del piatto.

Usare le prelibate vongole veraci per realizzare questa delizia è un’ottima scelta, sono una materia prima di ottima qualità che conferirà al piatto una sapidità e un gusto unici.

Tante persone commettono sempre il solito errore che compromette irrimediabilmente la buona riuscita di questo delizioso piatto, scopriamolo!

 L’errore fatale che rovina lo spaghetto alle vongole: l’ammollo

L’errore fatale che tanti inconsapevolmente commettono nel cucinare lo spaghetto alle vongole è banale ma decisivo per la riuscita del piatto!

Quando comprate le vongole dal pescivendolo avete mai fatto caso che sono ancora vive? Se guardate con attenzione mettendole a bagno alcune faranno fuoriuscire dal guscio il tentacolo per filtrare l’acqua!

L’errore fatale e molto comune che si fa è proprio quello di non metterle in ammollo nell’acqua salata per il giusto tempo prima di cuocerle.

Quest’operazione permetterà alle vongole di spurgare: saranno pulite quando le cuocerete e non vi capiteranno quei fastidiosi chicchi di sabbia sotto i denti!

Se non lo fate le vongole spurgheranno in padella e tutta la sabbia e la sporcizia finiranno nel piatto, e quindi in bocca. Non c’è cosa più odiosa della sabbia sotto i denti, vero?

Per evitare di sprecare delle vongole veraci deliziose, lasciatele in ammollo per almeno 4 ore prima di cuocerle, meglio ancora se per 6-8 ore.

Le 4 regole d’oro per il perfetto spaghetto alle vongole

Le 4 regole d’oro per cucinare un eccellente spaghetto alle vongole sono semplici da seguire, osservatele tutte per evitare queste spiacevoli situazioni:

  • sabbia nel piatto
  • pasta secca e poco umida (effetto colla)
  • pasta troppo salata
  • vongole troppo cotte e gommose

Leggi anche: Come pulire le vongole con il trucco della farina

Ecco le 4 regole d’oro per un piatto di spaghetti alle vongole da 10 e Lode:

  1. Lasciare le vongole in ammollo per almeno 4 ore in abbondante acqua salata con un cucchiaio di farina. Le aiuterà a spurgare meglio e risulteranno pulite, al 100% senza sabbia! Ricordate di batterle una ad una prima di metterle ammollo, quelle rotte o morte buttatele via.
  2. Non aggiungete sale all’acqua della pasta, ci penseranno le vongole a renderla sapida a sufficienza.
  3. Le vongole stracotte risultano gommose e poco gustose: cuocetele 4 minuti a fuoco medio coperte e si apriranno, a quel punto spadellate la pasta 1 minuto e servite!
  4. Scolate la pasta umida oppure non si formerà il delizioso sughetto che conferisce umidità e morbidezza al piatto: potete anche tenere da parte un bicchiere di acqua di cottura da versare nella padella all’occorrenza mentre risottate la pasta

LettoQuotidiano.it è stato selezionato nella nuova app di Google News. Per rimanere sempre aggiornato clicca qui e poi sulla stellina “Segui”