Home Spettacolo Sonia Bruganelli difende Flavio Briatore dalle sprezzanti accuse del web

Sonia Bruganelli difende Flavio Briatore dalle sprezzanti accuse del web

CONDIVIDI

Nelle ore immediatamente successive alle dimissioni ospedaliere di Flavio Briatore, Sonia Bruganelli rompe il silenzio per una difesa tiepida ma esplicita.

Sonia Bruganelli

Non basta chiamarsi Flavio Briatore ed essere uno dei businessman più affermati d’Italia, quando in campo ci sono gli haters e le polemiche imperanti. Nelle ultime settimane il noto imprenditore piemontese è stato ricoverato poiché avrebbe contratto il Covid-19. Il condizionale è d’obbligo.

Flavio Briatore positivo al Covid-19? Il popolo dei social si scaglia contro di lui

Il suo ricovero improvviso ha scatenato i sentimenti più beceri del popolo dei social: una valanga di commenti spietati, in prevalenza maschili, ha travolto il suo profilo Instagram. La sua presunta positività al Coronavirus è diventata uno degli argomenti più dibattuti del momento.

Il settantenne torinese avrebbe contratto il Covid-19, sebbene se c’è chi parli di semplice prostatite. In pochi giorni il proprietario del Billionaire e del Twiga è stato bacchettato dagli haters, i quali non gli hanno risparmiato improperi e accuse.

Ciononostante gli amici vip di Flavio Briatore si sono stretti attorno a lui e hanno denunciato gli spietati commenti e insulti apparsi sui principali social network, quale Instagram. L’agente Lucio Presta, marito della conduttrice Paola Perego, ha postato una foto in compagnia di Briatore nelle sue Instagram stories:

“Certo che sono tanti i leoni da tastiera, porta pazienza amico mio. Ti ho sentito allegro come sempre”

Sonia Bruganelli difende Flavio Briatore dal popolo del web

Sonia Bruganelli, la carismatica moglie del conduttore Paolo Bonolis, ha condiviso il post di Lucio Presta e sulla sua pagina social ha scritto:

“Hai ragione, è pieno di menagrami”

Sonia Bruganelli si riferisce a coloro che hanno usato parole e commenti aggressivi, agli accaniti colpevolisti che in rete non hanno fatto mancare i loro efferati giudizi. Uno stuolo di leoni da tastiera, infatti, avrebbe commentato le notizie su Flavio Briatore leggendo solo i titoli.