Home News Secondo i sondaggi un italiano su sei non vorrebbe il vaccino per...

Secondo i sondaggi un italiano su sei non vorrebbe il vaccino per il covid

CONDIVIDI

Non solo i sondaggi svolti da Ipsos, persino secondo Euromedia Research le persone contrarie al vaccino sarebbero in aumento.

sondaggi vaccino
Ci sarebbero ancora molti dubbi sul vaccino da parte degli italiani.

Sarebbero ancora molti i dubbi legati al vaccino per sconfiggere il coronavirus. Nello specifico, stando ad alcuni sondaggi, se il 37% degli italiani intende vaccinarsi subito, il restante 42% vuole prima capire la reale efficacia della cura.

Alcuni italiani si sarebbero detti contrari alla vaccinazione contro il covid

A preoccupare di più però, è il restante 16%, quasi un italiano su sei, che non sarebbe intenzionato ad eseguire il vaccino. I predetti sondaggi, inoltre, sarebbero stati pubblicati anche dal Corriere della Sera, oltre che mandati in diretta tv dalla trasmissione DiMartedì.

Inoltre più della metà degli italiani, il 58% si dice avere seri dubbi sulla disponibilità dello stesso vaccino. Delle perplessità in merito alla cura che continuano a salire, basti pensare che nel primo sondaggio svolto da Euromedia Research era il 36% contro l’immunizzazione, un 30% favorevole e un 29% che voleva maggiori dettagli sul prodotto.

Dai vari sondaggi svolti sembrerebbero in aumento i cittadini contro il vaccino

Anche un altro giornale, Libero, avrebbe effettuato le proprie ricerche sull’argomento. Anche in questo caso però il risultato è stato simile, infatti, il 35% degli intervistati, pari ad un italiano su tre, non vorrebbe in maniera assoluta effettuare la vaccinazione. Un ulteriore 15% invece, sarebbe ancora indecisa sul da farsi.

Secondo diverse ipotesi, i No vax troverebbero forza nella legge Lorenzin, la quale rese obbligatorio l’effettuazione di 10 vaccini. Inoltre, basta farsi un giro in rete per trovare diversi gruppi complottisti che pensano che il coronavirus sia stato fabbricato.

Servirà un gruppo lavoro da parte del governo e del Comitato Scientifico, quindi, per convincere le persone su quanto sia importante la vaccinazione da questa terribile malattia, utile a sconfiggerla una volta per tutte.