Home Salute & Benessere Psicologia: non sei mai soddisfatto della tua vita? Potresti soffrire della Sindrome...

Psicologia: non sei mai soddisfatto della tua vita? Potresti soffrire della Sindrome di Calimero

CONDIVIDI

In pochi conoscono la Sindrome di Calimero: è un disturbo però che affligge molte persone e che trae il suo nome ufficioso dal noto cartone animato

Sindrome di Calimero, soffri di questo disturbo?

Calimero è il pulcino nero, eroe dei cartoni animati, che tende a lamentarsi. In realtà, anche alcune persone si lamentano continuamente, si lamentano di un sì o di un no, si sentono vittime dell’ingiustizia.

Comportamento spiacevole per chi ci circonda e che spesso gioca brutti scherzi ai nostri querelanti. Da dove proviene questa lamentela? Come uscire da questo cattivo umore latente? Saverio Tomasella, dottore in psicologia e psicoanalista, ha pubblicato Le syndrome de Calimero e ci dà il suo punto di vista illuminato sull’argomento.

Lamentarsi continuamente: una tendenza molto moderna

Il dottore in psicologia e psicoanalista, Saverio Tomasella dice: “Nel mio ufficio, per strada o anche nei media, ho l’impressione che ci stiamo lamentando più di prima. Vi è una forte pressione economica, problemi abitativi, pensioni basse, professionisti del burn-out”

E aggiunge:

“Noi abbiamo incoraggiato i pazienti ad esprimere le loro preoccupazioni. Le persone si confidano più oggi di trenta anni fa perché allora erano percepite male. Abbiamo tenuto le cose più per noi” , osserva.

Evocando le sue sventure, ci si allevia da un peso e si evita di sviluppare malattie psicosomatiche. Quando occasionalmente ci lamentiamo di un’ingiustizia, un dolore o un evento che ci dispiace, gli effetti sono benefici. E, dobbiamo ammetterlo, questo succede a tutti noi. Il problema è che, quando queste lamentele sono assillanti e ripetitive diventano un modo di essere.

Sindrome di Calimero: varie origini

La tendenza a lamentarsi colpisce uomini e donne e potrebbe derivare da una varietà di fattori.

“Possono essere predisposizioni familiari. Abbiamo sentito i genitori lamentarsi molto dopo un evento che ha colpito a lungo la famiglia: un’eredità difficile, un disastro naturale, una disoccupazione persistente … Riproduciamo ciò che abbiamo sentito di più”, dice lo specialista.

“Può anche essere un atteggiamento per attirare l’attenzione su di sé o addirittura un modo per nascondere un disagio più profondo. I lamenti nascondono così problemi coniugali, di denaro, di salute, di sessualità”, dice Saverio Tomasella.

L’esperto distingue due famiglie di Calimero. Un primo gruppo si concentra sul reclamo che formulerà tutto ciò che lo mina. Un secondo gruppo, sensibile all’ingiustizia, che li riguardi direttamente o meno.

Attenzione alle ingiustizie infondate

Tuttavia, le ingiustizie subite non sono necessariamente reali. Come nel caso di Séverine è commerciale in un grande gruppo.

Ricorda:

“Ho vissuto molto male il fatto che assumiamo una persona esterna per il posto di dirigente a cui ho mirato. Avevo lottato per ottenerlo. Non ho contato le mie ore. Ho ottenuto buoni risultati. Ho ottenuto un piccolo bonus ma nessuno sviluppo del lavoro. Ho preferito una persona che aveva già esperienza di gestione. Sono rimasto molto deluso da questa ingiustizia”.

Séverine si rammarica che i suoi sforzi non siano stati sufficientemente ricompensati per i suoi gusti, ma riconosce che il suo nuovo manager aveva esperienza aggiuntiva.

“Una parte dei reclami è legata all’insoddisfazione. A volte c’è davvero un’ingiustizia, ma non è sempre così. A forza di lamentarsi di ingiustizie non sempre reali, Calimero perde credibilità”

avverte Saverio Tomasella.

Reclami ripetuti: un entourage di fiducia

Quando i reclami sono frequenti, la persona che si lamenta costantemente vede la sua vita in una luce negativa.

Una situazione difficile poiché, molto spesso, secondo Saverio Tomasella, non nota il suo atteggiamento, è incosciente.