Home Spettacolo Simona Ventura, in tribunale accusata di evasione fiscale: ‘E’ una vergogna anche...

Simona Ventura, in tribunale accusata di evasione fiscale: ‘E’ una vergogna anche per me’

CONDIVIDI

La celebre conduttrice tv è stata accusata di aver evaso il fisco, ma si difende dagli attacchi, dichiarandosi innocente.

Simona Ventura accusata di evasione

Simona Ventura provata dalle accuse, la conduttrice si dichiara innocente!

Simona Ventura sotto accusa: ha evaso il fisco

Simona Ventura è finita al centro dell’attenzione mediatica a causa di un’accusa a suo carico.

Il tribunale di Milano, infatti, la accusa di aver evaso il Fisco ed è per questo che la celebre conduttrice tv dovrà rispondere nella sede giudiziaria il prossimo 3 marzo 2021.

“Mi trovo ad essere accusata di aver evaso il Fisco, lo trovo profondamente ingiusto, una cosa che anche per me è una vergogna, non ho nessuna colpa.”

Queste le parole di Simona Ventura, che si dichiara assolutamente innocente.

L’accusa nei confronti della donna è quella di aver evaso il Fisco circa 500 mila euro tra il 2012 e il 2015.

Tutte le accuse a carico della conduttrice tv

Il pm Silvia Bonardi ha indagato sul caso e avrebbe riscontrato che Simona Ventura avrebbe “fatto confluire parte dei suoi ricavi e addebitato parte dei suoi costi” alla società Ventidue srl.

La conduttrice, invece, avrebbe dovuto computare le entrate e le uscite in quanto persona fisica.

Per tale ragione la Ventura è stata accusata di “dichiarazione infedele dei redditi”.

“Da 34 anni lavoro nel mondo dello spettacolo e non mi sono mai interessata agli aspetti tributari.”

Simona si difende affermando, quindi, di non essere colpevole in quanto non si sarebbe mai occupata di questi aspetti, avendoli sempre affidati a professionisti.

Professionisti, dei quali, a questo punto, la Ventura si pente di essersi fidata.

A difendere la conduttrice ci sono gli avvocati Jacopo Pensa e Federico Papa, che ritengono la Ventura assolutamente innocente, poiché da parte sua non ci sarebbe stato alcun dolo.

Non rimane che attendere l’udienza del processo, che avrà luogo, come già scritto, il 3 marzo.