Home Spettacolo Simona Izzo, la pensione troppo bassa ‘Prendo solo 1000 euro al mese’:...

Simona Izzo, la pensione troppo bassa ‘Prendo solo 1000 euro al mese’: lo sfogo della regista

CONDIVIDI

Simona Izzo, lo sfogo dell’attrice: “Ho bisogno di lavorare, non sono ricca: prendo solo 1000 euro al mese”

Simona Izzo e i soldi
Simona Izzo

La sua carriera ha avuto inizio quando era giovanissima come doppiatrice arrivando a vincere il Nastro d’argento nel 1990 per il doppiaggio di Jacqueline Bisset nel film Scene di lotta di classe a Beverly Hills. Da allora, Simona Izzo è riuscita ad affermarsi anche nel mondo della televisione nelle vesti conduttrice di alcuni programmi di successo. Ultimamente hanno fatto molto parlare le sue dichiarazione in merito alla sua pensione percepita.

Simona Izzo, sfogo al settimanale

E’ nota al grande pubblico per aver condotto una serie di programmi di successo negli anni ’80 e per aver preso parte ad alcuni film  nei panni di attrice e regista. Nella sua ultima intervista rilasciata al noto settimanale di gossip, Nuovo, l’attrice romana è tornata a parlare sua situazione economica. Un argomento che ha fatto discutere non poco, scatenando una serie di polemici e commenti con toni alterati nei suoi confronti.

Nel dettaglio, Simona Izzo ha parlato della sua pensione mensile, precisando che spesso la popolarità è scambiata per ricchezza ma non è così.

Le parole dell’attrice romana

L’attrice romana ha spiegato che percepisce solo mille euro al mese e non vuole essere compatita perché non vive solo di questo:

“Spesso la popolarità viene scambiata per ricchezza. Percepisco mille euro al mese e non c’è niente di cui vergognarsi. Non voglio essere compatita perché grazie a Dio non vivo solo di questo”

In merito alle polemiche per le sue dichiarazioni, l’attrice romana ha precisato che essere stata sincera ed essere  insultata le sembra un paradosso. In passato, infatti, la Izzo ha confessato di aver  preso parte alla passata edizione del Grande Fratello Vip per poter aiutare i suoi nipoti negli studi e non perché amava stare in tv 24 ore su 24.