Home News Simba, il gatto da Pet Therapy amato da tutti ad Arezzo

Simba, il gatto da Pet Therapy amato da tutti ad Arezzo

CONDIVIDI

Il gatto Simba l’ottimo addetto da Pet Therapy ben accolto da pazienti e nella corsia dell’ospedale

Simba
Simba Pet Therapy

La pet therapy ha degli importanti benefici sempre noti e non sono solo cani i protagonisti, ma anche gatti. Simba è uno di loro, è un gatto di 10 mesi ex trovatello adottato dall’ospedale d’Arezzo.

Esso è stato adottato per offrire un conforto ai pazienti pediatrici reparto Oncologia e della Radioterapia del San Donato. Simba è molto bello, ha gli occhi azzurri, uno sguardo vivace e molto dolce.

Simba, una star dell’ospedale, contro la depressione da ricovero

A gestire le attività di Pet Therapy è l’associazione Gaia, che ha come presidente Elena Bisconti. Parlando di Simba ha detto che questo gatto ha conquistato tutti. Lavora da qualche settimana, anche durante le sedute di cura, ottenendo ottimi risultati.

I gatti sono molto adatti per poter effettuare la Pet Therapy, dato che accettano ben volentieri le coccole, aiutando i pazienti a rilassarsi e tranquillizzarsi. Questo serve soprattutto in caso di pazienti pediatrici, che vivono l’esperienza oncologica molto più pesantemente rispetto ad un adulto. Infatti i bambini riescono ad evitare anche la tanto temuta depressione da ricovero, lenendone la derivante ansia e lo stress. A dirci questo sono Simonetta Magnanini, direttore dell’Oncologia ed Enrico Tucci responsabile della Radioterapia.

Inoltre anche gli operatori beneficiano della presenza di Simba, secondo i due direttori che proseguono dicendo

“I gatti non offrono solo svago e distrazione dal dolore, ma contribuiscono anche a migliorare la qualità del sonno.”

Sicuramente un lavoro molto importante quello di Simba. Il gatto viene anche sottoposto a controlli sanitari ed igienici, in modo che non possa portare con se, delle rischi infettivi sia per i pazienti che per i visitatori.

Il direttore generale Antonio D’Urso ha dichiarato che l’azienda sanitaria ha deciso di dare il suo supporto all’attività, promuovendola come può. Ha proseguito dicendo che

“Credo molto nella Pet Therapy e nella capacità degli animali di fare del bene alle persone. Andiamo avanti in questa direzione.”