Home Cronaca Siena, finti corsi “new age”: coppia accusata di violenze

Siena, finti corsi “new age”: coppia accusata di violenze

CONDIVIDI

La coppia avrebbe operato in provincia di Siena dal 2016 al 2018, approfittando dei propri corsi per eseguire violenze e spillare soldi alle vittime.

Siena coppia

Organizzavano finti corsi “new age”, ossia utili a sviluppare energia positiva, nella zona di Montepulciano, provincia di Siena, una coppia di ex amanti.

Al momento sono diversi i capi d’accusa rivolti alla coppia

Gli inquirenti avrebbero rintracciato e iniziato le indagini quest’oggi su un uomo di 46 anni di Siena e la sua compagna dell’epoca, una 50enne di origine veneta.

Per quanto riguarda l’uomo, attualmente il 46enne sarebbe agli arresti domiciliari, obbligo di dimora, invece, per la sua ex.

I due sono colpevoli di aver ingannato molteplici persone per ben due anni, dal 2016 al 2018, estorcendo importanti cifre di denaro e abusando sessualmente dei propri “pazienti”.

Il tutto sarebbe stato possibile grazie alle parole usate dalla coppia. I loro pazienti, infatti, erano spesso persone provenienti da esperienze negative in famiglia, in ambito amoroso e generale e di conseguenza facili da condizionare.

Alcuni dei gadget acquistati dai “pazienti” arrivavano ad 800 euro

Per i due malviventi, quindi, sarebbe stato semplice mettere in uno stato di soggezione gli ospiti del loro corso. Inoltre, “per conseguire il benessere psicofisico”, i due obbligavano ai pazienti l’acquisto di gadget come dischi, pietre e amuleti, con un costo che poteva arrivare agli 800 euro.

Non solo l’acquisto di gadget ed il pagamento del corso, gli adepti avrebbero dovuto, inoltre, svolgere gratuitamente delle mansioni all’interno della casa del “guru”.

Ad aggravare ulteriormente la posizione della coppia anche gli abusi sessuali adoperati, anche quest’ultimi spacciati come parte fondamentale della terapia.

Infine, il 46enne, oltre alle accuse di violenza sessuale ed abusi, è indagato anche per esercizio abusivo della professione medica, oltre a quella di psicologo di cui è accusata anche la complice.