Home News Sfide in monopattino sugli Champs Elysées, attimi di panico a Parigi

Sfide in monopattino sugli Champs Elysées, attimi di panico a Parigi

CONDIVIDI

A Parigi, lungo i celebri Champs Elysées, alcuni ragazzi si sono resi protagonisti di sfide in monopattino. Si pensa che fossero sotto effetto di gas esilarante.

sfide in monopattino

I giovani hanno fatto delle sfide a monopattino nella notte, zig zagando tra le auto e transitando persino sui marciapiedi, oltre la velocità consentita.

Un’invasione notturna

Tantissimi giovani a Parigi, hanno deciso di darsi appuntamento, nella serata di ieri 25 luglio, per rendersi protagonisti di sfide in monopattino. Sembra che si siano dati tutti appuntamento, forsesforse dei social network, per trasformare il celebre viale in una pista notturna.

I trottinettes, così sono stati ribattezzati, non si sono lasciati fermare dal traffico sostenuto. Non poche sono state le difficoltà degli automobilisti che hanno dovuto fronteggiare sorpassi pericolosi sia a destra che a sinistra. Il rischio era quello di poter investire qualche ragazzo. Ma anche di essere investiti poiché i monopattini hanno sfrecciato anche lungo i marciapiedi.

Sono stati tanti i video della serata diffusi attraverso i social. Alcuni si sono riferiti agli Champs Elysées come ad uno skatepark notturno. L’invasione notturna dei monopattini elettrici ha gettato nel panico il famoso viale della capitale francese. Per fortuna, però, non ci sono stati ne feriti ne vittime.

Le autorità prenderanno provvedimenti

Per arginare questo fenomeno, che potrebbe ripetersi anche nel corso delle prossime notti, le autorità stanno cercando di prendere provvedimenti. Tra questi, ad esempio, il provvedimento che abbasserebbe il limite di velocità consentito per transitare lungo il viale con il monopattino, da 20 km/h a 8 km/h.

La prefettura sta studiando i video della serata  diffusi in rete per accertarsi se alcuni dei giovani fossero in stato di alterazione. Da alcune immagini, infatti, alcuni di loro sembravano stravolti e, qualcuno, aveva un palloncino in bocca. L’ipotesi è quella che qualcuno di loro abbia fatto uso di gas esilaranti.