Home Salute & Benessere Sei davvero uno psicopatico se bevi sempre caffè amaro?

Sei davvero uno psicopatico se bevi sempre caffè amaro?

CONDIVIDI

Uno studio ha collegato la scelta del caffè amaro a tratti antisociali della personalità.

caffè amaro
caffè amaro

Bevi il tuo caffè amaro? Secondo varie fonti in rete, prenderlo senza zucchero potrebbe renderti uno psicopatico. Lo stesso vale per le persone che amano altri cibi e bevande amari, come acqua tonica, cavoli, broccoli e ravanelli.

Si scopre che la passione per i cibi amari è legata ad alcune caratteristiche piuttosto oscure.

Caffè amaro collegato alla asocialità?

Uno studio del 2016, pubblicato sulla rivista Appetite e condotto all’Università di Innsbruck, in Austria, hanno scritto nella loro introduzione che

“è stata stabilita una connessione tra preferenze gustative e personalità, ma le prove sono ancora scarse“.

Precedenti studi avevano dimostrato, ad esempio, che le persone con maggiori preferenze per i cibi dolci avevano anche maggiori probabilità di avere alti livelli di gradevolezza e nevroticismo.

In altre ricerche, l’esposizione a gusti amari è stata collegata a giudizi morali più severi e pensieri e comportamenti ostili.

Se queste cose sono vere, hanno ipotizzato gli autori dello studio, potrebbe anche essere vero che le persone che preferiscono cibi amari – e li consumano regolarmente – hanno maggiori probabilità di avere tratti di personalità “malevoli“.

Per scoprirlo, hanno messo insieme due esperimenti.

Caffè amaro e psicopatia: gli studi

Nel primo esperimento, i ricercatori hanno utilizzato uno strumento online per esaminare 500 adulti di età e livelli di istruzione diversi.

Ai partecipanti è stato chiesto quali fossero le loro preferenze per i vari cibi che rappresentavano i gusti dolci (come caramelle e cioccolato), aspri (limoni, aceto).

Salati (pancetta, carne di manzo) e amari (caffè, ravanelli), e quanto gli piacevano cibi e bevande di questi gruppi, in generale. Hanno anche fatto quattro diversi test di personalità.

Il secondo esperimento è stato simile, tranne per il fatto che i ricercatori hanno anche chiesto ai partecipanti di valutare individualmente la dolcezza, l’amarezza, la salsedine o l’acidità di ciascuno di questi alimenti.

Lo hanno fatto al fine di valutare se le persone sentissero davvero quegli alimenti appartenenti alle loro specifiche categorie.

Bere caffè con zucchero e latte, ad esempio, maschera con successo gran parte della sua amarezza“, hanno scritto.

I risultati

Ma torniamo ai risultati: i ricercatori hanno scoperto che le preferenze per il gusto amaro erano “positivamente associate a tratti di personalità malevoli“, in particolare il sadismo e la psicopatia quotidiani.

“Nel loro insieme, i risultati suggeriscono che a quante persone piacciono i cibi e le bevande dal sapore amaro è stabilmente legato a quanto sia scura la loro personalità“, hanno scritto.

Nel primo esperimento (ma non nel secondo), la preferenza del gusto amaro era anche legata al narcisismo e al machiavellismo.

Un tratto che implica la volontà di manipolare e sfruttare gli altri al fine di raggiungere i propri obiettivi.

Insieme, narcisismo, machiavellismo e psicopatia costituiscono ciò che gli psicologi chiamano la Triade Oscura dei tratti della personalità.

Cosa significa questo per le persone che bevono il loro caffè nero o amano le verdure amare? Probabilmente non molto.

Steven Meyers, PhD, professore di psicologia alla Roosevelt University, ha esaminato lo studio per la salute e afferma che ha trovato solo una “associazione molto piccola” tra preferenza gustativa e personalità.

I risultati devono essere interpretati con cautela e i risultati dovrebbero essere replicati da altri prima che meritino un’attenzione diffusa“, afferma.

Gli autori dello studio sottolineano inoltre che ci sono molte altre cose che influenzano le preferenze di gusto, tra cui la genetica e le norme sociali.

E ci sono molti alimenti che inizialmente potrebbero essere avversi per noi – tra cui birra, vino, peperoncino e sì, caffè – che impariamo a gustare per vari motivi.