Home News Sea Watch, i migranti sbarcano a Lampedusa. Il capitano arrestato: “Affronterò tutto,...

Sea Watch, i migranti sbarcano a Lampedusa. Il capitano arrestato: “Affronterò tutto, lo rifarei”

CONDIVIDI

I migranti scendono dalla Sea Watch e fra poche ore Carola Rackete sarà interrogata. Ecco tutti gli aggiornamenti

Sea Watch, i migranti sbarcano a Lampedusa. Il capitano arrestato: "Affronterò tutto, lo rifarei"
Sea Watch, i migranti sbarcano a Lampedusa. Il capitano arrestato: “Affronterò tutto, lo rifarei”

La questione Sea Watch é ancora al centro dell’interesse, con lo sbarco dei 40 migranti e il capitano iscritto nel registro degli indagati.

Il caso della Ong Tedesca

Sono passati tanti giorni da quando Carola Rackete, capitano della nave, ha salvato 42 migranti a largo della Libia per poi virare verso Lampedusa.

Le é stato vietato di avvicinarsi, ma la nave dopo vari tentativi ha deciso di non fermarsi all’alt e avvicinarsi alla costa:

“le persone sono stremate, basta”

Una situazione che ha portato il Ministro degli Interni unitamente al premier Conte e vice premier Luigi Di Maio ad utilizzare il pugno duro e far rispettare le regole.

Quello che è accaduto nelle ultime ore é evidenziato in questo nostro articolo, con l’arrivo a bordo di alcuni esponenti dell’opposizione e della Guardia di Finanza

Ma questa notte la decisione presa le ha portato l’accusa di favoreggiamento dell’immigrazione, tentato naufragio e per non essersi fermata all’alt con divieto di entrata nelle acque italiane.

Migranti a terra, Carola Rackete arrestata

Questa notte il capitano della nave ha deciso di entrare forzatamente a Lampedusa, forzando il blocco e quasi speronando le motovedette della Guardia di Finanza.

In questo momento la Rackete si trova con gli agenti della Guardia di Finanza in attesa di interrogatorio, mentre la nave é stata spostata al largo per motivi di sicurezza.

I 40 migranti, due erano già stati fatti scendere per controllo medico, stanno affrontando le varie procedure di controllo e successivo spostamento.

Alcuni Paesi Europei han dato il loro benestare per l’accoglienza, infatti nelle prossime ore questo step sarà affrontato e snocciolato.