Home Politica Scuole, la Azzolina contro De Luca: “Decisione gravissima”

Scuole, la Azzolina contro De Luca: “Decisione gravissima”

CONDIVIDI

A seguito della decisione di De Luca di chiudere le scuole in Campania, l’Azzolina interviene reputando la situazione gravissima.

Scuole, la Azzolina contro De Luca: "Decisione gravissima"

De Luca chiude le scuole in Campania e la Azzolina insorge definendo questa decisione gravissima per tutto il sistema italiano.

Le parole della Azzolina

Il Governatore della Campania Vincenzo De Luca ha suscitato non poche polemiche al Governo. Proprio ieri è scattata la decisione di tenere chiuse le scuole per 15 giorni al fine di salvaguardare i ragazzi dal nuovo picco della pandemia da Covid.

Il ministro dell’Istruzione Azzolina è intervenuta in merito ai microfoni di Zapping – in onda su Rai Uno – definendo la decisione:

“gravissima e profondamente sbagliata”

Evidenziando che il comportamento di De Luca siastato inopportuno essendo stato l’ultimo a riaprirle e addirittura il primo a richiuderle. La sua preoccupazione è in campo didattico, nel senso che non sa cosa faranno gli studenti da oggi e se sia stato previsto o meno un protocollo con le lezioni a distanza.

Non solo, perché afferma di aver appreso di questa ordinanza all’ultimo momento e che sia inacettabile lasciare i ragazzi a casa, nel momento in cui il numero dei contagi è basso:

“I presidenti delle regioni e province hanno il potere di chiudere le scuole, io no”

La risposta del Governatore De Luca

Il Governatore ha immediatamente replicato al Ministro:

“600 contagiati tra studenti e professori”

De Luca a muso duro non subisce le accuse della Azzolina con dati alla mano e dimostrando di come la curva dei contagi – in aumento – riguardi anche le scuole. Per questo motivo comunica i dati che gli sono stati forniti direttamente dalla Task Force con un numero di tamponi positivi all’8,1% in più rispetto al giorno precedente.

I dati riguardano anche il mondo della scuola con contagi diretti tra alunni e docenti, per questo la sua decisione permane attiva al fine di proteggere le persone e far calare i dati in suo possesso.