Home News Scuola, rientro in classe dopo sospetto contagio: certificato e doppio tampone

Scuola, rientro in classe dopo sospetto contagio: certificato e doppio tampone

CONDIVIDI

Una circolare del Ministero della Salute fa chiarezza sul rientro a scuola dopo aver avuto una malattia con sintomi riconducibili al coronavirus.

scuola rientro
Gli alunni per rientrare a scuola avranno bisogno di un certificato (Foto di Gazzetta del Sud).

Uno degli aspetti ancora “oscuri” nelle nuove norme scolastiche sarebbe quello legato al rientro a scuola in caso di positività al coronavirus di un alunno.

A fare chiarezza sulle procedure il Ministero della Salute

La risposta, quindi, sarebbe arrivata tramite una circolare del Ministero della Salute e firmata da Giovanni Rezza. Quest’ultimo ribadisce, infatti, quali saranno gli attestati utili per il rientro a scuola degli studenti.

Il medico, o il pediatra che segue il bambino, dovrà necessariamente presentare un certificato che dimostri come l’alunno sia ormai negativo e che abbia superato a pieno la malattia. Stesso procedimento da seguire, inoltre, anche per gli operatori scolastici.

Inoltre nella circolare vengono mostrati 4 esempi su come trattare dei possibili casi sospetti all’interno della scuola. Nello specifico, all’interno del documento, viene annunciato in quali casi un medico dovrebbe richiedere un test diagnostico.

Sarebbero 4 gli esempi forniti nella circolare su come trattare il virus

Il primo caso è quando l’alunno presenta una temperatura corporea superiore ai 37 gradi e mezzo o anche il manifestarsi dei sintomi riconducibili al coronavirus in classe.

Il secondo caso, inoltre, è pressocché identico con solamente le pareti di casa a sostituire la scuola come luogo della sospetta infezione.

Stesso discorso anche per il terzo ed il quarto caso con il medico che dovrà accertare le condizioni degli operatori scolastici all’interno dell’istituto in cui operano ed a casa.

Per rientrare a scuola, infine, bisognerà rispettare i criteri ancora in vigore, ossia risultare negativo a due tamponi a distanza di 24 ore. Se il paziente risulterà negativo, il medico potrà procedere con la stesura del certificato per la riammissione in classe.