Home News Scozia, assorbenti e tamponi gratis per tutte le donne: il nuovo disegno...

Scozia, assorbenti e tamponi gratis per tutte le donne: il nuovo disegno di legge

CONDIVIDI

La Scozia è il primo Paese al mondo che darà in modo gratuito assorbenti e tamponi alle donne e tutti i prodotti necessari durante il ciclo mestruale.

assorbenti

La Scozia diventerà il primo paese al mondo che distribuirà in maniera del tutto gratuita assorbenti e tamponi alle donne durante il loro ciclo mestruale. Il parlamento scozzese ha approvato un disegno di legge con 112 voti a favore. Essa mira anche a renderli disponibili in tutti i luoghi pubblici e nelle farmacie.

Un primo passo

L’approvazione è solo il primo passo per l’approvazione della nuova norma che ora proseguirà il suo iter in parlamento. Potrebbe subire alcune modifiche in base ad eventuali emendamenti proposti.

La norma mira ad eliminare la cosiddetta period poverty in Scozia, garantendo che i prodotti che servono per il ciclo mestruale siano gratuiti e disponibili per ogni persona che ne ha bisogno. Si vuole proteggere le persone a basso reddito che non si possono permette l’acquisto degli assorbenti o dei tamponi. Secondo le stime fatte, un ciclo ha durata di 5 giorni in media e si può arrivare a spendere 8 sterline al mese circa 12 €, per alcune una spesa non sostenibile.

Una prima bozza era chiamata Period Products Scotland Bill: la prima versione era stata presentata già nel 2017 da Monica Lennon. Poi nel 2018 rendeva gratuiti i prodotti utili alle mestruazioni in scuole, college e università della Scozia.

Sembra un problema secondario, ma da un sondaggio fatto su 2.000 persone da Young Scot una ragazza su 4, intervistate nelle scuole e università scozzesi, ha difficoltà a comprare ciò che serve.

Spostandosi nel Regno Unito circa il 10% delle ragazze non può permettersi l’acquisto, mentre il 15% ha difficoltà e il 19% acquista prodotti non adatti per risparmiare. Tutto questo, con un’imposta simile all’IVA è di solo il 5%, mentre in Italia per quelli non compostabili o biodegradabili è il 22%.mentre in Italia per quelli non compostabili o biodegradabili è il 22%.