Home News Maltempo in Sardegna: strade allagate e bloccate da una frana

Maltempo in Sardegna: strade allagate e bloccate da una frana

CONDIVIDI

A risultare critica in Sardegna soprattutto l’attuale situazione di Villacidro, attualmente isolata da tutto a causa delle strade bloccate dal maltempo.

maltempo Sardegna
Diverse le strade chiuse a causa del cattivo tempo.

Un vero e proprio nubifragio si sarebbe abbattuto sulla Sardegna durante questa notte e questa mattina. Nello specifico il maltempo avrebbe colpito duramente, creando molteplici disagi, nel Nuorese e in Ogliastra.

Sono diverse le strade allagate o rese impraticabili dal maltempo

Non solo, a causa di una frana sarebbero persino state interrotte le strade dall’altezza del chilometro 39 della nuova 389 tra Nuoro e Lanusei. Anche l’acqua non avrebbe risparmiato le strade, le quali sarebbero finite per allagarsi come nel caso della statale 129 all’altezza del chilometro 22 in località Iloghe, e la provinciale 46, in località case Spanu in direzione di Lula.

Per questo motivo il sindaco di Oliena, Sebastiano Antioco Congiu, sta emettendo diverse ordinanze per la chiusura delle strade. Le abbondanti piogge, inoltre, avrebbero creato diversi disagi soprattutto nella zona di Villacidro.

Il maltempo avrebbe completamente isolato la città di Villacidro

La città, infatti, sarebbe rimasta isolata dal resto dell’isola. La statale 196, la quale conduce proprio al centro città, sarebbe impraticabile a causa delle condizioni della strada. Stesso discorso per la provinciale 61 e la statale 197, le quali portavano al centro abitato di Villacidro.

I disagi, inoltre, non sono mancati neanche a San Gavino Monreale e a Pabillonis dove è stato necessario l’intervento di carabinieri e vigili del fuoco.

Anche la zona sud di Oristano sarebbe stata particolarmente colpita dalle piogge con le città di Terralba, San Nicolò Arcidano e Marmilla che hanno registrato diversi disagi. A quanto sembra, infatti, da diverse ore mancherebbe l’energia elettrica nelle predette aree, impedendo così alle pompe sommerse di cantine e scantinati di entrare in funzione. Infine, come forma di precauzione, in Sardegna sono state chiuse diverse scuole, parchi e cimiteri.