Home Televisione Sarabanda, Enrico Papi torna con “Indovina la canzone”: nuovo format e dettagli...

Sarabanda, Enrico Papi torna con “Indovina la canzone”: nuovo format e dettagli inediti

CONDIVIDI

Sarabanda torna in tv sotto il nome di “Name That Tune” e con un format rivisitato, sotto la conduzione dell’idolo di un’intera generazione, Enrico Papi

Sarabanda Name the tune Enrico Papi

Scopriamo insieme tutte le novità riguardanti “Name That Tune”, la nuova versione del programma musicale Sarabanda, condotta dal celebre presentatore Enrico Papi.

Arriva la nuova versione di Sarabanda

Da anni i fan dello storico programma di Italia 1 Sarabanda, andato in onda tutti i giorni su Italia 1 dal 1997 al 2004 e poi sporadicamente nel 2005, nel 2009 e nel 2017, chiedono un ritorno in pompa magna dello show musicale.

Il sogno sembra finalmente essere arrivato, come annunciato dall’idolo di un’intera generazione Enrico Papi, che ha confermato la messa in onda dello show, che però sembra proprio che non tornerà come lo ricorda il pubblico.

Il programma si chiamerà “Name That Tune” (Indovina la canzone) e ha in serbo per i fan numerose sorprese. Nel nuovo Sarabanda vi saranno molte più manche rispetto a quelle che abbiamo visto nel format originale, condite con sfide inedite.

Il ritorno su Tv8

La messa in onda della nuova versione dello show musicale di Sarabanda era prevista proprio per aprile 2020. Tuttavia, a causa dell’emergenza sanitaria italiana provocata dalla diffusione del Coronavirus, gli autori hanno scelto di mettere il programma in standby.

“Eravamo pronti ad andare in onda ad aprile con cinque puntate in prima serata, ma ora il programma sicuramente si farà, non sappiamo ancora quando”.

Queste le dichiarazioni di Enrico Papi in recenti interviste. Effettivamente, mandare in onda un programma solare e divertente in un periodo di crisi come questo, non sarebbe stata una mossa vincente.

Nonostante il programma tv potesse sicuramente intrattenere gli spettatori, costretti a rimanere a casa per il lockdown, non si sarebbe creata quell’atmosfera di gioia data dal pubblico in studio e dall’orchestra.