Home Cronaca Sara Pedri, ginecologa 31enne sparisce nel nulla: proseguono le ricerche

Sara Pedri, ginecologa 31enne sparisce nel nulla: proseguono le ricerche

CONDIVIDI

La famiglia del giovane medico ha lanciato un appello per chiedere a chiunque abbia sue notizie di allertare le forze dell’ordine.

scomparsa Sara Pedri

La ginecologa, che lavora in Trentino all’ospedale di Cles, è originaria di Forlì.

Sara Pedri sparita nel nulla

È trascorso ormai più di un mese da quando Sara Pedri, ginecologa 31enne di Forlì, è sparita nel nulla.

La donna ha fatto perdere le sue tracce il 4 marzo scorso, quando i familiari hanno lanciato l’allarme.

Come riferisce anche Fanpage, l’auto di Sara Pedri, una VwW Troc, è stata trovata dai carabinieri in località Mostizzolo, nel Comune di Cis, al confine con quello di Cles, dove la Pedri lavora.

All’interno della sua auto è stato rinvenuto anche il cellulare. Cosa è davvero accaduto a Sara?

Al momento non si esclude nessuna ipotesi, neppure quella di un allontanamento volontario da parte della 31enne.

Leggi anche –> Caso Martina Rossi, appello bis: imputati condannati a 3 anni per tentata violenza sessuale

Le ricerche proseguono incessanti da oltre una settimana, ma, al momento di Sara Pedri non sembrano esserci tracce.

L’appello della famiglia

Dopo la sua scomparsa, la famiglia del giovane medico ha lanciato un appello affinché, chiunque abbia notizie, contatti le forze dell’ordine.

Le ricerche sono condotte, quotidianamente, da una 50ina di uomini, aiutati da droni ed elicotteri.

Non è chiaro al momento se si tratti di un allontanamento volontario o se possa esserci altro dietro la sparizione della ginecologa.

La famiglia di Sara Pedri ha creato una pagina facebook su cui vengono pubblicati eventuali aggiornamenti delle ricerche.

I familiari della giovane dottoressa chiedono che le ricerche non vengano interrotte e ad eventuali testimoni di contattare i carabinieri della stazione di Rumo, se si avessero informazioni utili a ritrovare Sara.

Alle attività di ricerca, nelle ultime settimane si è unita anche una squadra dell’Unità Cinofila Ricerca Resti Umani e Tracce Ematiche della Polizia di Stato.