Home Cronaca Sanremo, scontrini gonfiati: dipendenti Rai e manager a rischio processo

Sanremo, scontrini gonfiati: dipendenti Rai e manager a rischio processo

CONDIVIDI

Maxi inchiesta a Sanremo: dipendenti e operai a rischio processo per scontrini gonfiati e fatture false. L’indagine della Guardia di Finanza

sanremo

Scontrini gonfiati e rimborsi alle stelle: la maxi frode in scena a Sanremo.

Inchiesta per frode a Sanremo

Maxi inchiesta della Guardia di Finanza a Sanremo: a rischio processo ci sono dipendenti Rai, operai, manager e ristoratori.

I fatti contestati riguardano le passate edizioni del 2013, 2014 e 2015 del Festival di Sanremo. Nel mirino delle indagini sono finiti scontrini gonfiati, rimborsi spese alle stelle, ma anche trasferte per seguire la gara ciclistica Milano-Sanremo.

Nell’inchiesta, condotta dalla procura di Roma, sarebbe emerso che i dipendenti che dormivano in una stanza si facevano rimborsare il costo di 2 camere e le cene da 10 Euro venivano fatturate come banchetti da 30 Euro.

Truffa da 100mila Euro

Una truffa quella ai danni della Rai di circa 100mila Euro. Proprio in queste ore, la Procura di Roma sta notificando gli avvisi di garanzia ai sospettati.

Le indagini sono partite da un esposto anonimo alla procura di Imperia, che ha poi trasferito il tutto ai colleghi romani.  L’aumento di scontrini e rimborsi era un’abitudine ormai ben radicata e attuata grazie al tacito consenso di albergatori e ristoratori, che ovviamente ricevevano un compenso per il loro silenzio.

Nonostante venissie occupata una sola camera d’albergo, si chiedeva il rimborso per 2 e gli albergatori affittavano quella rimasta vuoti ad ignari clienti.

Come riporta Il Messaggero, il titolare dell’albergo convenzionato con la Rai avrebbe stampato diverse fatture su carta intestata, ma non avrebbe ultimato la procedura e quindi il tutto risultava senza valore contabile.

Fatture con lo stesso numero progressivo venivano emesse nei confronti di più soggetti. Gli operai e i dipendenti Rai presentavano poi le ricevute per ottenere il rimborso, traendone un profitto non legittimato.

Una pratica usata anche in altri ristoranti della località ligure, utilizzando lo stesso escamotage.