Home Spettacolo Sanremo 2019, vincitore Mahmood e il coming out: “Dichiararsi gay è inutile”

Sanremo 2019, vincitore Mahmood e il coming out: “Dichiararsi gay è inutile”

CONDIVIDI

L’edizione che si è appena conclusa del Festival di Sanremo ha lasciato per strada non poche polemiche. Tanti gli strascichi della kermesse canora.

Mahmood, il vincitore di Sanremo 2019 e il coming out

Sanremo 2019, vincitore Mahmood e il coming out: “Dichiararsi gay è inutile”

E dopo il post polemico da parte di Salvini contro il vincitore Mahmood, emergono molti dettagli sulla vita del cantante italo egiziano, in queste ore dopo la vittoria a sorpresa al Festival di Sanremo con la canzone Soldi.

Sono state tantissime le polemiche che hanno riempito i principali giornali web.

Leggi anche: Sanremo 2019, vince Mahmood tra critiche e fischi. Matteo Salvini: “La canzone italiana più bella?!”

Sono emerse anche vecchie interviste e in particolar modo in parecchi hanno tirato fuori quella che il musicista che si chiama Alessandro,  di madre sarda e papà egiziano rilasciò qualche tempo fa a gay.tv. In quell’occasione il giovane fece sapere : “Apprezzo molto gli artisti che hanno avuto il coraggio di dichiararsi in pubblico, ma non giudico minimamente chi ancora non ha avuto la forza. Penso ognuno debba dichiararsi quando meglio crede. Quando pensa che sia il momento più opportuno. Come tutti”. Poi a proposito di come vengono trattati i gay in Egitto disse: “A dire il vero qualsiasi disparità la vivo in maniera negativa e, in questo caso, ancor di più. Sono molto legato a quelle terre, pur non essendoci andato moltissime volte. Mi sento così impotente. Posso solo sperare che la situazione migliori, sia in Egitto che in tutti quei Paesi in cui vi è una disparità.”

Parecchi mesi dopo, in ‘un altra intervista rivelò:

“Ho fatto coming out? No, ho rilasciato un’intervista a un sito gay oriented. Tutto qui. Dichiarare ‘sono gay’ non porta da nessuna parte, se non a far parlare di sé. Se continuiamo con questi distinguo, l’omosessualità non sarà mai percepita come una cosa normale, quale è”.