Home News Sanremo 2019, Enrico Nigiotti furioso: “Mi hanno fatto perdere al televoto”

Sanremo 2019, Enrico Nigiotti furioso: “Mi hanno fatto perdere al televoto”

CONDIVIDI

A Sanremo 2019, oltre le proteste per il vincitore, anche Enrico Nigiotti ha voluto dire la sua convinto di essere stato sfavorito

Sanremo 2019, Enrico Nigiotti furioso: "Esibirmi sempre a mezzanotte mi ha fatto perdere voti
Enrico Nigiotti

Si è concluso il 69° Festival di Sanremo 2019 e non ci sono state solo le critiche da parte del pubblico per la proclamazione del vincitore Mahmood ma anche da parte di alcuni cantautori, come Enrico Nigiotti.

Enrico Nigiotti furioso

Enrico Nigiotti, cantautore noto per la sua partecipazione ad Amici e quasi vincitore di X-Factor, ha trovato in questo periodo la sua strada ed è molto apprezzato per il suo modo di cantare e le sue parole che arrivano dritte al cuore.

La sua “Nonno Hollywood” è una canzone dedicata al nonno, che fa immaginare ogni scena legata a quest’uomo straordinario raccontata dalla splendida voce del cantautore. La commozione ieri sul palco dell’Ariston si è fatta sentire e, dopo aver cantato, Enrico si è preso il suo lungo applauso.

Nonostante questo, Nigiotti è furioso in quanto convinto che la scaletta non l’abbia favorito, così da fargli perdere molti voti da parte del pubblico a casa.

La polemica di Nigiotti

Una polemica che va avanti da giorni ma che ha trovato sfogo solo durante il pomeriggio di ieri durante l’intervista al TG2:

“se sono favorito? io lo sono solo per cantare dopo la mezzanotte”

Ha evidenziato Nigiotti con tono duro e non ironico, ripetendo le parole sul palco dell’Ariston – mentre Claudio Bisio non ha compreso volutamente quanto detto:

“hai visto? sono ancora svegli a mezzanotte…”

Secondo l’artista, la scaletta per la posizione d’uscita sul palco è stata una nota dolente, influendo di molto sull’esito finale della gara. Esibendosi sempre e solo verso la fine, i telespettatori collegati – secondo Nigiotti – sarebbero la metà e per questo motivo i votanti si ridurrebbero a pochi.