Home News San Raffaele di Milano, visite a domicilio per pazienti covid: 450 euro...

San Raffaele di Milano, visite a domicilio per pazienti covid: 450 euro il costo

CONDIVIDI

Il consulto video o telefonico dei pazienti covid costa invece 90 euro. Il tariffario dell’ospedale lombardo ha suscitato non poche polemiche.

san raffaele milano

Duri gli attacchi anche da medici, che hanno chiesto di non fare speculazioni sull’emergenza covid.

Visite a domicilio al costo di 450 euro

È bufera sull’ospedale San Raffaele di Milano che ha reso noto il suo tariffario per le visite a domicilio per i pazienti covid. Come riferisce anche Triestecafè, il costo per una visita specialistica a domicilio è di 450 euro.

Tariffario ben inferiore per un consulto video o telefonico, che costa invece 90 euro. Il servizio, istituito dall’ospedale lombardo, è diretto quindi ai pazienti positivi al Covid-19 che sono a casa in isolamento domiciliare e non necessitano quindi del ricovero in ospedale.

Come si legge diffusa dallo stesso istituto, che fa parte del gruppo San Donato:

“Il servizio garantisce ai soggetti in isolamento obbligatorio un supporto completo, tramite una prima video visita o consulto telefonico e, in base alla valutazione del medico, un pacchetto di esami diagnostici eseguiti presso l’abitazione”.

La procedura prevede quindi un primo consulto via telefonica, o in videochiamata, dopodiché, qualora il medico interpellato lo ritenga necessario, si procede alla visita domiciliare.

Polemiche da medici e consiglieri

Una procedura, quella messa in atto dal San Raffaele, del tutto regolare che, però, ha scatenato non poche polemiche.

“Sei positivo al Covid e in isolamento? Le Usca non funzionano come dovrebbero? Tranquilli, ci pensa il privato. Il pubblico arranca e il privato ingrassa”

è il post pubblicato sulla sua bacheca Facebook dal consigliere regionale Pd, Matteo Piloni.

“Il business sul covid, no. Vi prego”

scrive invece il medico di Crema, Attilio Galmozzi.

Molti sono i professionisti che hanno chiesto alla regione Lombardia, diventata zona rossa da ormai diverse settimane, di prendere una posizione chiara sul servizio offerto dal nosocomio milanese.