Home Cronaca San Giovanni Bosco, dopo l’invasione di formiche, crolla il soffitto in sala...

San Giovanni Bosco, dopo l’invasione di formiche, crolla il soffitto in sala parto

CONDIVIDI

Napoli- Ospedale San Giovanni Bosco ancora sotto accusa. Dopo l’invasione delle formiche, stavolta crolla il soffitto in sala parto

San Giovanni Bosco crolla soffitto

Dopo l’invasione di formiche, il San Giovanni Bosco è ancora sotto accusa. Stavolta a far parlare ancora dell’ospedale di Napoli è il crollo di una contro soffittatura all’interno all’interno della sala parto avvenuto nella notte a causa di alcune infiltrazioni d’acqua. Fortunatamente non ci sono stati feriti, a quanto pare l’area all’interno dell’ospedale era già stata chiusa per inagibilità qualche mese fa. Anche l’ultima  sala rimasta del riparto Ostetricia è stato chiusa per motivi di sicurezza. Un vero e proprio disagio per i medici e gli infermieri, che a causa dell’inagibilità dell’ospedale , trovano un enorme difficoltà sul campo di lavoro.

Ma questo non è di certo l’unico problema dell’ospedale. Come ricordiamo, qualche mese fa il reparto di chirurgia generale è stato messo sotto accusa, a causa della presenza di alcuni insetti che hanno invaso il reparto e i pazienti.. Un vero e proprio dramma che man mano sta peggiorando la situazione all’interno dell’ospedale.

 a denunciare l’accaduto è stato proprio Francesco Emilio Borrelli, consigliere regionale Verdi, che su facebook, ha pubblicato le immagini dell soffitto crollato, spiegando appunto che la situazione all’interno dell’ospedale si sta facendo molto pericolosa:

 

 

“Purtroppo il San Giovanni Bosco versa in una situazione particolare e occorre impegno da parte di tutti…. Anche le Forze dell’Ordine devono collaborare, eliminando le sacche di illegalità presenti all’interno e all’esterno dell’ospedale sopratutto la presenza della camorra. Abbiamo sollecitato più volte il questore, chiedendo l’istituzione di una postazione fissa di polizia. Lo spiazzo esterno è ancora preda dei parcheggiatori abusivi, legati a vario titolo alla criminalità organizzata della zona”.