Home Casi San Gennaro Vesuviano, padre uccide la figlia: la verità dietro il folle...

San Gennaro Vesuviano, padre uccide la figlia: la verità dietro il folle gesto dell’uomo

CONDIVIDI

La tragedia di San Gennaro Vesuviano ha sconvolto tutti: ma perché un padre dovrebbe uccidere la figlia lanciandola dal balcone?

San Gennaro Vesuviano
San Gennaro Vesuviano

Lacrime e rabbia a San Gennaro Vesuviano, dove un padre ha gettato la figlia dal balcone uccidendola per poi tentare il suicidio. La verità per il folle gesto è sconcertante.

Padre uccide la figlia gettandola dal balcone

Una scena straziante, davanti ad una vicina di casa e tutti i familiari che sono scesi in strada sperando in un piccolo miracolo. La vita della piccola Ginevra è finita in un secondo, dopo che il padre Salvatore Narciso – 34 anni – l’ha gettata dal balcone per poi tentare lui medesimo il suicidio.

Il dramma di Via Cozzolino non potrà essere dimenticato, con i parenti che cercavano un segno di vita da parte della bambina e un padre sull’asfalto portato urgentemente all’Ospedale Cardarelli – vigile e non in pericolo di vita.

Immediati i soccorsi che non hanno potuto fare altro che constatare l’ora del decesso e portare l’uomo immediatamente all’Ospedale  – piantonato dalle Forze dell’Ordine e in silenzio. In queste ore è stato sottoposto ad una risonanza magnetica e successivamente un piccolo intervento alla colonna vertebrale – secondo i media locali.

La verità dietro il folle gesto di Salvatore Narciso

Una famiglia conosciuta e amata, che non ha mai registrato alcuno strano episodio – con la conferma di non esserci denunce o racconti di maltrattamenti precedenti al fatto di cui sopra.

Secondo una prima ricostruzione la coppia era intenzionata a separarsi e proprio il giorno prima aveva avuto una violenta litigata. Mentre la moglie caricava la lavatrice, lui ha approfittato di un momento di distrazione portando la bimba al secondo piano – dal piano terra – e compiendo questo gesto indescrivibile.

I Carabinieri – coordinati dalla Procura di Nola –  attende di interrogare sia l’uomo e sia moglie e non ha emesso – sino a questo momento  – alcun provvedimento.