Home Casi Salvatore Parolisi, l’ira del fratello di Melania Rea: “Siamo preoccupati per la...

Salvatore Parolisi, l’ira del fratello di Melania Rea: “Siamo preoccupati per la bambina”

CONDIVIDI

La questione del permesso premio di Salvatore Parolisi indigna la famiglia di Melania Rea e si teme per la bambina.

Salvatore Parolisi, l'ira del fratello di Melania Rea: "Siamo preoccupati per la bambina"

Il permessi premio a Salvatore Parolisi sono una cosa concreta e questo fa infuriare il fratello di Melania Rea che ora pensa a sua nipote e come potrebbe prenderla.

Salvatore Parolisi fuori dal carcere?

La notizia dei permessi premio per l’ex caporal maggiore dell’Esercito sembra essere una cosa oramai concreta. Ulteriori novità sono emerse durante l’ultima puntata di Quarto Grado: la buona condotta – come da legge italiana – consente al detenuto in carcere con l’accusa di omicidio nei confronti della moglie Melania Rea – di poter ottenere lo stato di semi libertà.

Su La Stampa si evidenzia:

“in carcere ha sempre continuato a proclamare la sua innocenza e si è comportato bene. tra poco potrebbe usufruire dei permessi premio ma non è un iter semplice”

Nonostante non sia ancora stato confermato il procedimento di tale pratica, la famiglia della vittima insorge e si preoccupa anche per la bambina.

L’ira di Michele Rea e la paura per la figlia di Melania

La famiglia di Melania Rea è indignata e ha paura ora anche per la figlia. La bambina oggi ha 11 anni e Michele Rea ha evidenziato che la piccola ha acquisito nel tempo un equilibrio interiore grazie ai nonni e allo zio:

“con l’aiuto degli psicologi le abbiamo spiegato – seppur in modo ovattato – quello che è successo e lei non vuole sentire nominare il padre. io mi domando: come potrebbe sentirsi tranquilla sapendo che l’uomo che le ha ucciso la madre esca – seppur temporaneamente – dal carcere?”

Come si evince su La Stampa.

Michele Rea chiede al Tribunale della Soverglianza al fine che neghi ogni tipologia di permesso per rivedere la figlia – per la quale ha perso la patria potestà:

“andiamo avanti solo per il bene di mia nipote”