Home News Salerno, proteste nella notte: manifestanti sotto casa del governatore De Luca

Salerno, proteste nella notte: manifestanti sotto casa del governatore De Luca

CONDIVIDI

La manifestazione era stata avviata dai commercianti, che protestavano contro le nuove misure del Dpcm.

proteste salerno

Un gruppo di persone ha tentato di dirigersi verso l’abitazione del presidente della regione, ma è stato disperso dalle forze dell’ordine.

Manifestazione a Salerno

Dopo le manifestazioni avvenute nei giorni scorsi a Napoli, anche la città del governatore De Luca è stata colpita da un’ondata di proteste. Come riferisce anche Fanpage, la notte scorsa è scoppiata la protesta anche a Salerno.

Un gruppo di manifestanti ha tentato di raggiungere l’abitazione del governatore De Luca, nel quartiere Carmine. La protesta era partita da un gruppo di commercianti che non hanno preso bene le misure promulgate nel nuovo Dpcm.

Alla manifestazione si è poi unito un gruppo di facinorosi, che ha tentato di raggiungere l’abitazione del presidente della regione.

Si è quindi registrato qualche momento di tensione, con lo scoppio di petardi e il rovesciamento di alcuni cassonetti, ma alla fine il corteo si è disperso, senza alcuna conseguenza.

Le parole di De Luca sul nuovo Dpcm

Il presidente della regione è intervenuto in serata nella trasmissione in onda su Raidue, Che tempo che fa, ospite di Fabio Fazio.

Nel corso del suo intervento, il presidente si è espresso sui violenti fatti di Napoli avvenuti lo scorso venerdì e sulla promulgazione del nuovo Dpcm. Sulle proteste nel capoluogo, De Luca si è rivolto con epiteti poco encomiabili ai manifestanti.

Il governatore poi, replicando alle domande di Fabio che gli ha chiesto cosa ne pensasse del nuovo Dpcm, ha risposto che è una misura importante, ma certamente non basterà per fermare l’avanzata del contagio.

Secondo De Luca sono state le scuole ad incidere sul contagio in crescita delle ultime settimane. L’allarme è soprattutto in vista del superamento di una soglia limite di nuovi positivi, che il presidente ha fissato alle 2.500: in quel caso, non solo quello campano, ma nessun sistema sanitario riuscirebbe a reggere.