Home News Salerno, incontro in Prefettura sulle morti sul posto di lavoro

Salerno, incontro in Prefettura sulle morti sul posto di lavoro

CONDIVIDI

La riunione con la Prefettura, a causa delle vigenti norme anti contagio, si è svolta in maniera telematica.

Prefettura
Sarà incentivato il lavoro delle Scuole edili per la formazione e del Comitato antinfortunistico.

Ieri mattina, giovedì 28 gennaio 2021, si è svolta, su richiesta delle organizzazioni sindacali confederali, una riunione con la Prefettura per discutere sul difficile tema delle morti sul posto di lavoro.

Si è parlato di riattivare la vigilanza sui posti di lavoro

Per tanto, il Prefetto di Salerno, ha convocato il direttore generale dell’Asl provinciale, il direttore dell’Ispettorato del Lavoro, i segretari di Cgil, Cisl e Uil e il presidente dei costruttori della provincia, con il comandante provinciale dei carabinieri, il colonnello Gianluca Trombetti ed il vice presidente dell’Anci, Mimmo Volpe.

Ovviamente, a causa delle norme anti covid, l’incontro si è svolto interamente in via telematica. L’idea discussa sarebbe stata quella di riattivare una vigilanza che controlli i posti di lavoro dove negli ultimi anni il dato degli incidenti mortali è in crescita.

Il sindacato ha fatto notare la carenza di personale

Il sindacato però, avrebbe fatto notare la mancanza di personale per attivare i suddetti controlli. Inoltre, i pochi uomini disponibili nel Servizio di prevenzione dell’Asl sono al momento impegnati nel contact tracing dei contagiati dal covid-19.

Per quanto riguarda le parti sociali, quest’ultime si sono impegnate affinché si incentivasse il lavoro delle Scuole edili per la formazione e del Comitato antinfortunistico.

“E’ stato importante riportare l’attenzione degli Enti e delle istituzioni sul tema della sicurezza dei lavoratori. Tuttavia, occorre stabilire un percorso eccezionale, non episodico e definire anche momenti di verifica del lavoro fatto. La vita dei lavoratori ci impone questo sforzo. Il prefetto Francesco Russo assicura questa volontà e lo ringraziamo per questa sua attitudine”.

Si è detto soddisfatto, infine, il presidente della Cisl di Salerno, Gerardo Ceres. Al momento, infatti, tutti si impegneranno nella scrittura di un protocollo che definirà con organicità gli impegni di ciascuno soggetto e le procedure di coordinamento.