Home Lifestyle Saldi invernali 2021: la data d’inizio, regione per regione

Saldi invernali 2021: la data d’inizio, regione per regione

CONDIVIDI

I saldi invernali 2021 inizieranno nel mese di gennaio. Il loro compito sarà quello di dare una boccata d’ossigeno ai negozianti.

saldi invernali 2021

Diamo un’occhiata al calendario, regione per regione, per l’inizio dei saldi invernali 2021 (pandemia permettendo).

Acquisti a prezzi scontati

I saldi invernali 2021 serviranno a dare una boccata d’ossigeno ai negozianti. E’ stato sempre così ma, quest’anno, serviranno ancora di più.

La pandemia, infatti, ha costretto a lunghe settimane di chiusura, soprattutto i negozi d’abbigliamento, quelli maggiormente interessati alle riduzioni di stagione.

Il calendario (semi) definitivo è stato diffuso dalla Federmoda. Non si tratta di un calendario definitivo poiché, alcune regioni, stanno ancora deliberando.

Inoltre, a causa della pandemia, ci potrebbero essere delle modifiche. Ad influenzare gli sconti, le decisioni che prenderà il governo nei prossimi giorni.

Il settore moda è uno dei più colpiti dalla pandemia. Soprattutto i negozi fisici, hanno risentito particolarmente. Del resto, come fare ad acquistare se c’è un lockdown?

Inoltre, a causa delle restrizioni, spesso si preferisce fare acquisti online piuttosto che doversi attenere alle regole dei negozi. In altri casi, subentra la paura di uscire di casa.

Lo shopping invernale a prezzi scontati è un appuntamento molto atteso, non solo dai consumatori ma anche dai commercianti. Sicuramente, l’andare per negozi, sarà molto influenzato dalla circolazione del virus.

Il calendario

Di seguito, trovi le date di inizio, regione per regione, dei saldi invernali del prossimo anno:

  • 2 gennaio: Campania, Molise, Sicilia, Valle d’Aosta
  • 5 gennaio: Abruzzo, Friuli Venezia Giulia, Lombardia, Piemonte, Puglia, Sardegna, Umbria
  • 12 gennaio: Lazio
  • 16 gennaio: Marche, Provincia autonoma di Bolzano
  • 29 gennaio: Liguria
  • 30 gennaio: Emilia Romagna, Toscana, Veneto.

Per la Calabria e la Basilicata sono attese ancora le delibere regionali al riguardo.