Home Cronaca Miracolo nella Rsa, si risveglia dal coma dopo 14 mesi durante una...

Miracolo nella Rsa, si risveglia dal coma dopo 14 mesi durante una videochiamata con il figlio

La protagonista di questa storia, che ha dell’incredibile, è una donna di 68 anni di Settimo Milanese.

Colpita da una grave emorragia cerebrale nel gennaio del 2020, qualche giorno fa si è risvegliata dal coma.

Miracolo nella Rsa: si risveglia dal coma dopo 14 mesi

Una videochiamata con il figlio, una delle tante che in questi 14 mesi di degenza erano rimaste sempre senza risposta.

È bastata la voce di Andrea a realizzare quello che, forse, nessuno più si aspettava: il risveglio di sua mamma dopo oltre un anno di coma profondo.

Il miracoloso evento è accaduto nei giorni scorsi nella Rsa Leopardo di Parabiago, nel Milanese.

Una donna di 68 anni è uscita dal coma mentre il figlio Andrea era in videoconferenza.

L’anziana, originaria di Settimo Milanese, era stata ricoverata nel gennaio dello scorso anno, a seguito di un’emorragia cerebrale, non operabile.

Leggi anche –> Paderno Dugnano, gravissimo il bimbo investito al parco: al conducente era stata ritirata la patente

Il contatto umano resta un punto fermo

“Ha mosso le labbra per dire ciao al figlio. Dopo quel primo movimento la signora ha parlato e ha fatto capire al figlio e all’operatrice che stava gestendo la chiamata che, in tutto questo tempo, ha sempre potuto sentire voci e stimoli, ma non riusciva a comunicare”

a parlare è la direttrice della struttura, Arianna Tosetto.

La paziente ha chiesto poi di vedere i nipoti e la nuora e ha fatto il segno del pollice in su con la mano, mandando un bacio al figlio e all’infermiera.

La direttrice ha quindi spiegato che, nonostante la pandemia e l’emergenza sanitaria in corso, si è sempre tentato di mantenere una comunicazione verbale e visiva con i parenti dei pazienti.

La struttura ospita una 20ina di pazienti in stato vegetativo, o affetti da Sla e malattie neurodegenerative. Soprattutto per questi ultimi, il contatto e la comunicazione restano un punto fermo, che gli operatori sanitari coltivano quotidianamente.