Home Personaggi Rosa Diletta Rossi, chi è l’attrice italiana e protagonista di Nero a...

Rosa Diletta Rossi, chi è l’attrice italiana e protagonista di Nero a Metà?

CONDIVIDI

Chi è Rosa Diletta Rossi, la nota attrice romana tra i protagonisti della serie tv di Rai 1 con Claudio Amendola, intitolata Nero a metà

Rosa Diletta Rossi

Scopriamo insieme tutti i segreti di Rosa Diletta Rossi, dall’infanzia al percorso professionale, dalle esperienze raccolte al teatro, al cinema e in televisione, fino ad arrivare alla vita privata della donna!

Chi è Rosa Diletta Rossi

Nasce a Roma, il 18 ottobre del 1988, sotto il segno zodiacale della Bilancia.

Appassionata di recitazione, intraprendere la scuola di perfezionamento attori, diretta da Jurij Ferrini a Torino, e un corso propedeutico al Teatro Stabile di Genova. Partecipa a vari workshop, tra cui a quello sulla figura di Giovanna D’Arco e uno su Amleto.

Dal 2004 al 2006 fa parte della Piccola Compagnia Piero Gabrielli diretta da Gandini: così ha inizio la sua carriera teatrale, durante la quale porta in scena numerosi spettacoli.

Il suo debutto al cinema avverrà nel 2011 con “Main e la casa della felicità”. Reciterà poi in Pasolini nel 2014, Fortunata nel 2017 e La profezia dell’armadillo nel 2018.

La giovane attrice, però, sale alla ribalta soprattutto grazie ad alcune serie televisive. Tra le più importanti sicuramente la serie tv di Rai 1, Nero a metà, che andrà in onda con la seconda stagione presumibilmente dall’autunno prossimo.

Vita privata e curiosità

Non si hanno molte informazioni relative alla vita privata della giovane attrice.

Per quanto riguarda la vita sentimentale, non è chiaro se la donna stia vivendo una storia d’amore oppure no. Nel dicembre 2018, l’attrice romana aveva rilasciato un’intervista al magazine “Vanity Fair”, al quale rivelava:

“Sono sola e all’avventura. Non ho ancora trovato qualcuno che mi abbia fatto fermare”.

Pare proprio che fino al dicembre del 2018 non ci fosse nessuno a occupare un posto stabile nel cuore dell’attrice. In quasi due anni, però, le cose potrebbero essere completamente cambiate.