Home News Roma tra le città più congestionate al mondo, in Italia è la...

Roma tra le città più congestionate al mondo, in Italia è la prima

CONDIVIDI

La peggiore città dove ritrovarsi al volante nel Paese è la capitale. Lo dice una ricerca di INRIX Global Traffic Scorecard, appena resa nota da Legambiente Lazio.

Roma è la città più trafficata d'Italia
Traffico a Roma (Arco di Costantino) – Leggo.it

Ad essere monitorate dai ricercatori, sono state 100 città di tutto il globo. Roma è risultata al 18esimo posto al mondo, ma prima in Italia per congestione.

Capitale da record

Ciò che sorprende è che la capitale, nella classifica dei record poco lusinghiera stilata da Inrix, supera megalopoli caotiche e sconfinate come Città del Messico, Los Angeles, San Paolo e Instabul.

A stupire è anche che i dati si riferiscono al periodo meno trafficato degli ultimi decenni, il 2020, l’anno dello scoppio della pandemia.

Secondo quanto stimato, un automobilista romano perde 66 ore imbottigliato nel traffico.

Roberto Scascchi, presidente di Legambiente Lazio che ha reso noti i risultati della ricerca su scala globale, riporta la triste situazione di una città attanagliata dalle autovetture private.

Anche perché affidarsi ai mezzi di trasporto pubblico è avventuroso, tra ritardi perenni, i guasti “improvvisi” come gli autobus che prendono fuoco o le scale mobili periodicamente fuori uso, fino agli ascensori malfunzionanti per raggiungere e risalire dalle piattaforme della metro.

Una promessa mancata

Nel 2016 la sindaca Virginia Raggi annunciava una città da percorrere lasciando l’automobile a casa. 

Per farlo avrebbe potenziato il sistema di trasporto pubblico.

Intanto i lavori del tratto della metro C, che arriva al Colosseo, sono in corso. Ma mancano dati certi che testimonino un miglioramento del quinquennio appena passato.

Per Scacchi la città è stata abbandona al suo destino.

Poi ricorda come le misure restrittive anti-covid avrebbero dovuto indurre a:

“Un grande aumento di servizio pubblico per garantire distanziamento e sicurezza, che invece è stato percepito come un luogo dove i cittadini rischiano di più il contagio”.

Così persino nella nuova era dello smart working, delle ristrettezze economiche e dell’abbandono dei centri metropolitani, Roma continua ad essere sommersa dalle automobili.