Home Cronaca Bimbo di 1 anno ingerisce droga e finisce in ospedale: si valuta...

Bimbo di 1 anno ingerisce droga e finisce in ospedale: si valuta l’affidamento ai servizi sociali

CONDIVIDI

Il piccolo ha avuto un attacco epilettico ed è stato trasferito all’ospedale Umberto I della capitale.

bambino ingerisce droga

Intanto, la procura ha aperto un fascicolo.

Bimbo di 1 anno ingerisce cocaina

Avrebbe approfittato di un attimo di distrazione dei genitori per ingerire della cocaina lasciata incustodita sul divano di casa.

Dopodiché ha avuto una crisi epilettica ed è stato trasferito in codice rosso all’ospedale Umberto I di Roma.

È quanto accaduto lo scorso sabato ad un bambino di appena un anno. La richiesta di aiuto ai sanitari del 118 è scattata da un’abitazione in provincia di Viterbo.

All’arrivo dei soccorsi, il piccolo è stato trasferito nel nosocomio capitolino.

Come riferisce anche La Repubblica, quando i medici dell’ospedale hanno cercare di scoprire cosa avesse scatenato quei sintomi, il papà ha ammesso:

“Non lo so, forse la cocaina mi era caduta dalla tasca sul divano, quando mi ero seduto”.

I medici hanno quindi sottoposto il piccolo ad alcuni esami, trovando tracce di cocaina nel suo corpo.

A quel punto le sue condizioni sono state stabilizzate, ma non è escluso che il bambino possa subire ancora conseguenze.

Aperto un fascicolo

Intanto, la procura di Roma ha aperto un fascicolo. I carabinieri hanno perquisito l’abitazione dei due coniugi, ma non hanno trovato altre tracce di droga.

I genitori del bambino sono stati immediatamente denunciati.

Lesioni personali colpose è il reato che gli viene contestato. I due rischiano però anche l’accusa di maltrattamenti.

Dopodiché, in base alle indagini, il piccolo potrebbe essere allontanato dalla casa dei genitori ed affidato ai servizi sociali.

Non è chiaro quanta cocaina abbia assunto il bambino, né quali e quanti danni potrebbe provocargli. Per chiarire ciò bisognerà attendere i prossimi giorni.

La madre del bambino è in attesa del suo secondo figlio.