Home News Roberto Saviano, tuona su Notre Dame e i migranti: il web insorge

Roberto Saviano, tuona su Notre Dame e i migranti: il web insorge

CONDIVIDI

Roberto Saviano attacca tutti e tuona sul disastro di Notre Dame, ricordando che la tragedia dei migranti dovrebbe essere più importante per l’Europa

Roberto Saviano
Roberto Saviano

Un duro attacco sul profilo Facebook di Roberto Saviano, con un post che parla della tragedia di Notre Dame semplificandola in poche parole e ricordando che le vere drammaticità sono altre. Il web insorge contro di lui.

Il post di Facebook del giornalista Saviano

Il giornalista è solito dare la sua opinione sui vari fatti di cronaca, Europa e migranti ma la sua osservazione in merito a Notre Dame ha scatenato gli utenti del web – e non solo.

Saviano, nel suo post pubblico – asserisce e polemizza sul fatto che gli Europei siano sconvolti per la distruzione di una Cattedrale e si mobilita in tutti i modi per la sua ricostruzione, mentre sembra chiudere gli occhi davanti ai migranti.

Un’accusa molto forte che ha scatenato l’opinione pubblica, che si divide come sempre in due fazioni – anche se questa volta la polemica si è fatta molto più forte del solito:

“L’europa in fiamme? No. L’europa è annegata nel mediterraneo insieme ai migranti che sono morti”

Sempre secondo l’autore di Gomorra evidenzia di come lo sguardo dovrebbe essere rivolto verso quegli 800mila esseri umani costretti a scappare dalla guerra in Libia:

“mentre ci affanniamo per notre dame, ignoriamo quelle vite che stanno subendo un inferno – anche per causa nostra”

Si rivolge poi a Michela Murgia, riprendendo il suo pensiero e dandole ragione sul fatto che l’Europa sta guardando verso il lato sbagliato della tragedia.

Il web insorge contro il giornalista

I commenti negativi alla sua dichiarazione sono molti, considerando il suo post come “inopportuno”.

Non solo: in molti gli hanno fatto notare di non aver speso nemmeno due parole sui musulmani che “esultavano” per la distruzione della Cattedrale. Insomma, una polemica che non andrà a spegnersi molto presto.