Home Spettacolo Roberto Baggio, dopo il ricovero il terribile lutto: il triste addio del...

Roberto Baggio, dopo il ricovero il terribile lutto: il triste addio del campione

CONDIVIDI

Il mondo del calcio si stringe attorno al grande dolore per il terribile lutto di Roberto Baggio. L’ex calciatore ha vissuto una terribile perdita

Roberto baggio lutto

Roberto Baggio ha appena dato la trite notizia della morte del padre e di star vivendo un grave lutto. Secondo quanto riportato dal sito di notizie Fanpage, Florindo Baggio è venuto a mancare all’età di 89 anni ed era ricoverato da tempo.

Il grave lutto

Non sono note quali siano state le cause della morte. Era sposato con Matilde ed ha avuto 7 figli compreso l’ex calciatore. La a sua famiglia ha divulgato la notizia, anche a causa della notorietà di Roberto, nonostante sia notoriamente molto attaccato alla sua privacy.

Florindo aveva 89 anni ed era ricoverato da lungo tempo in una clinica di Vicenza. Le sue condizioni di salute si sono aggravate in modo repentino, al punto di arrivare al decesso poche ore fa.

Roberto Baggio era legatissimo al padre e sicuramente sta vivendo un lutto veramente grave. Quest’aspetto di vita familiare non è mai stato nascosto dell’ex calciatore. Come detto Roberto è molto discreto e difficilmente condivide ben poche cose che non abbiano a che fare col suo lavoro. L’ottimo e solido rapporto però non è mai stato tenuto nascosto, anzi è stato quasi un vanto di entrambi.

I progetti di Florido

Florido aveva in mente un’altra carriera per il figlio Roberto sempre nell’ambito dello sport. Pare che Florido aspirasse ad un altro sport, proprio nel periodo in cui Il calciatore muoveva i primi timidi passi nel mondo del calcio.

Florindo Baggio sognava una vita da ciclista per il figlio, sempre uno sportivo ma di una disciplina completamente diversa. Vedendolo giocare ha però capito che la carriera calcistica era quanto di meglio avrebbe potuto fare il figlio Roberto. Quindi ha cambiato idea dimenticandosi di una possibile carriera ciclistica, accettando quella calcistica.