Home Casi “L’ho capito subito”, il drammatico racconto di Alessia Logli sulla scomparsa di...

“L’ho capito subito”, il drammatico racconto di Alessia Logli sulla scomparsa di Roberta Ragusa

CONDIVIDI

Alessia Logli racconta i drammatici momenti vissuti dopo la scomparsa della mamma Roberta Ragusa: era piccola ma sapeva già tutto

Roberta Ragusa
Roberta Ragusa

Alessia Logli ha ripercorso tutte le tappe della scomparsa della mamma Roberta Ragusa: la vicenda più traumatiche che le ha cambiato la vita per sempre.

Alessia Logli ospite a Quarto Grado

Oggi Alessia ha 19 anni e ricorda la mamma ogni giorno, tatuandosi anche il suo nome sulla pelle al fine di tenere sempre con sé quell’amore che mai potrà svanire.

La ragazza è stata ospite di Luigi Nuzzi a Quarto Grado che ha riascoltato e visto alcuni servizi in merito alla dolorosa vicenda e anche in relazione all’accusa verso il padre, Antonio Logli.

Alla vista dell’intervista a Loris Gozi – testimone che ha incastrato Antonio Logli – la ragazza ha avuto un accenno di sorriso. Alla domanda del conduttore sul “perché di quella espressione“, Alessia ha evidenziato:

“Gozi poteva evitare di scherzarci sù, dicendo che non glielo ha detto il medico di ammazzare la moglie”

Una situazione non facile per una ragazza che ha visto la madre scomparire nel nulla, una nuova donna arrivare in casa e il padre accusato di omicidio e occultamento di cadavere.

Il racconto di Alessia sulla scomparsa della mamma

Alessia a Quarto Grado ha voluto raccontare tutto di quella mattina in cui si è accorta che qualcosa, nella sua vita, stava cambiando per sempre:

“l’ho capito il giorno stesso. quando mi sono alzata la mattina mi sono affacciata e sul piazzale c’erano i carabinieri con i cani”

Sottolineando che in quella casa c’erano persone che di norma non venivano mai ed è così che ha percepito fosse accaduto qualcosa.

Alessia durante la trasmissione risponde duramente anche a chi le ha rivolto molte critiche, rimproverandola di aver dimenticato la mamma o di difendere il padre:

“io mi sono fatta il mio pensiero che ripeterò all’infinito: mio padre è innocente. voglio bene a mio padre nello stesso modo ne volevo a mia madre. se le avesse fatto del male io sarei dalla parte della giustizia.