Home Casi Roberta Ragusa, il dettaglio raccontato dal figlio Daniele: “Nessun rapporto tra noi”

Roberta Ragusa, il dettaglio raccontato dal figlio Daniele: “Nessun rapporto tra noi”

CONDIVIDI

L’intervista di Quarto Grado per il caso di Roberta Ragusa ha fatto emergere dei dettagli inquietanti, grazie al racconto dei figli. Ma cosa si è lasciato sfuggire Daniele?

Il caso di Roberta Ragusa avrà una svolta tra tre settimane, quando la Cassazione deciderà il destino di Antonio Logli. Ma nel mentre il figlio Daniele si fa sfuggire un dettaglio molto importante e particolare.

L’intervista ai figli di Antonio Logli

Nella puntata speciale e inedita di venerdì sera abbiamo assistito ad una intervista inedita ai figli di Antonio Logli, che hanno spiegato il loro sentimento e quello che sentono nei confronti della misteriosa scomparsa della madre.

A prendere la parola per più tempo è stata Alessia, oggi grande e consapevole, che ha difeso il padre confermando che qualsiasi cosa possa accadere in Cassazione lei non lo abbandonerà mai.

Daniele è sembrato molto freddo e distaccato – come dai tanti commenti degli utenti – che reputano il suo chiamare la madre per nome un qualcosa di agghiacciante.

Ma quello che i ragazzi fanno emergere è la loro totale confusione ed estraneità dei fatti, che porta verso la voglia estrema di verità e di riabbracciare quella donna che forse si potrebbe essere allontanata da sola.

L’indiscrezione di Daniele Logli

Durante l’intervista però Daniele mette il punto ed evidenzia una parte molto importante della storia, facendo emergere un dettaglio particolare.
Marika, cugina della Ragusa, ha puntato il dito contro il marito:

“mia cugina una donna di altri tempi, le sue bugie mi hanno fatto male”

In studio, la figlia Alessia conferma che è molto difficile che la madre abbia abbandonato loro visto il suo amore e la sua dedizione. Mentre Daniele fa notare il suo tono secco e mette in chiaro il rapporto con i parenti:

“con loro non c’erano rapporti, anche se non metto in discussione i sentimenti nei confronti di mia madre”