Home News Vongole vive pericolose, contaminate da Escherichia Coli: indetto il ritiro immediato

Vongole vive pericolose, contaminate da Escherichia Coli: indetto il ritiro immediato

CONDIVIDI

Vongole vive pericolose e infette: tracce del batterio Escherichia Coli oltre i limiti nei campioni esaminati. Ritirate dalla distribuzione.

vongole vive escherichia coli ritirate

La notifica del RASFF allerta i consumatori in tutta Italia sul ritiro di vongole vive microbiologicamente contaminate e non adatte alla consumazione.

La motivazione del ritiro dal mercato è una ingente contaminazione da Escherichia Coli del campione analizzato.

Il Sistema Rapido di Allerta Europea per la Sicurezza di Alimenti e Mangimi mette sempre al primo posto la salute e la sicurezza dei consumatori. Per questo le autorità competenti hanno immediatamente indetto il ritiro delle vongole dal mercato.

Non devono essere consumate per nessuna ragione perché infette e pericolose: si rischierebbe un’intossicazione alimentare molto seria mangiandole anche previa cottura.

Qui di seguito sono elencate le informazioni utili contenute nella notifica che il RASFF ha pubblicato sul suo sito web nella sezione appositamente dedicata alle allerte alimentari.

Vongole vive con Escherichia Coli

Il codice di riconoscimento della notifica è 2020.3882, facilmente rintracciabile sul sito web del RASFF.

Il prodotto oggetto dell’allerta alimentare è un lotto di vongole vive (Ruditapes Philippinarum) contaminato dal batterio Escherichia Coli.

I dipendenti addetti al controllo del RASFF hanno condotto un’accurata ispezione ed analisi del lotto contaminato e hanno riscontrato l’anomalia.

Nel campione analizzato il 18 settembre la quantità era oltre 1300, decisamente eccessiva e motivo per il quale hanno classificato quest’allerta come Seria.

Il quantitativo di batteri rilevato supera il limite imposto dalle norme di sicurezza: pericolosa la consumazione.

Le vongole sono di provenienza estera, importate dalla Grecia. Le autorità hanno indetto subito il ritiro dal commercio in tutta Italia per non mettere a rischio la salute dei consumatori.

Escherichia Coli e intossicazione alimentare

L’Escherichia Coli è un batterio non proprio innocuo che può provocare una forte intossicazione alimentare, specialmente se presente all’interno del cibo che mangiamo in dosi eccessive.

Nei casi peggiori di intossicazione alimentare da Escherichia Coli potrebbe essere anche necessario il ricovero ospedaliero.

Se presentate i classici sintomi da intossicazione (febbre, vomito, nausea, diarrea, crampi) e avete mangiato per sbaglio un prodotto contaminato è bene che vi rivolgiate subito al vostro medico curante.

Non sottovalutate mai la pericolosità delle infezioni batteriche, se siete incerti sul vostro stato di salute recatevi in ospedale per maggiori accertamenti.