Home News Ritirati 68 prodotti dal mercato: gravi rischi per i consumatori

Ritirati 68 prodotti dal mercato: gravi rischi per i consumatori

CONDIVIDI

Sono stati ritirati 68 prodotti dal mercato: molti dei prodotti potenzialmente pericolosi erano distribuiti in Italia. Scopri subito quali sono.

zuccherini colorati

Il RASFF ha inviato molti richiami alimentari nella settimana n°27 del 2020: l’ente ha notificato ben 68 prodotti ritirati dal mercato di cui molti distribuiti in Italia.

Sono ben 5 le notifiche che Il Ministero della Salute ha segnalato in Italia per il ritiro di prodotti pericolosi per la salute dei consumatori.

Il RASFF è l’acronimo di Sistema di Allerta Rapido per Alimenti e Mangimi (Rapid Alert System for Food and Feed).

Questo sistema di allerta europeo condivide continuamente ed efficientemente le informazioni che riguardano cibi contaminati o pericolosi sul mercato europeo che potrebbero arrecare gravi rischi alla salute dei consumatori.

Scopriamo quali sono i prodotti pericolosi ritirati dal mercato italiano e quali sono stati invece i prodotti italiani esportati all’estero segnalati come contaminati.

Prodotti ritirati in Italia: dettagli e informazioni

La lista nera dei prodotti distribuiti in Italia ritenuti dal RAFSS altamente pericolosi comprende 3 cibi contaminati. Si raccomanda di non consumarli e restituirli nel punto di acquisto.

I prodotti in questione richiamati dall’ente tramite un allarme di severa importanza sono:

  1. Zuccherini colorati gluten-free contenenti glutine dalla Cina
  2. Escherichia Coli rilevato in vongole vive dall’Italia
  3. Listeria Monocytogenes trovata nel polpo cotto e congelato a fette dalla Spagna

Il RASFF pubblica anche richiami di minore importanza ed urgenza, in Italia ci sono svariati i richiami alimentari con basso livello di gravità.

Nell’elenco dei prodotti, distribuiti in Italia, che non richiedono un intervento tempestivo.

  • piombo nella carne di manzo dal Belgio
  • scampi congelati (Nephrops norvegicus) dall’Irlanda con un elevato livello di solfiti
  • falsa documentazione sulla tracciabilità di semi di girasole biologici di origine non conosciuta
  • carne di cavallo che non ha subito un periodo di sospensione sufficiente per le medicine veterinarie  dalla Francia

Ma non finisce qui, l’ente preposto ha ritirato alcuni prodotti che l’Italia ha esportato all’estero perché dichiarati pericolosi e contaminati.

La Germania ha segnalato infatti la presenza di Listeria monocytogenes nel gorgonzola e la Spagna invece di cadmio in molluschi murice (Bolinus brandaris) vivi.

LettoQuotidiano.it è stato selezionato nella nuova app di Google News. Per rimanere sempre aggiornato clicca qui e poi sulla stellina “Segui”