Home Cronaca Rimini, 15enne abbandonato su una panchina dopo un festino a base di...

Rimini, 15enne abbandonato su una panchina dopo un festino a base di droga con gli amici

CONDIVIDI

Quando si è sentito male, sono scappati tutti via. Ricoverata anche un’altra ragazza, che aveva trascorso la serata con il gruppetto di adolescenti.

festino adolescente coma

Il 15enne è ora ricoverato in ospedale.

15enne grave in ospedale

È quasi morto per aver assunto un mix di marijuana e metadone il 15enne riminese ricoverato nel reparto di rianimazione dell’ospedale del capoluogo emiliano.

L’adolescente partecipa ad un festino con gli amici al parco della stazione ferroviaria di Cattolica, la sera tra il 23 ed il 24 dicembre scorsi.

Quando però si accascia su una panchina, gli amici, anziché aiutarlo, scappano via. Poco prima, su un autobus, proprio il 15enne aveva trovato una dose di metadone, che aveva rubato e portato con sé.

La richiesta di aiuto al 118 è arrivata nelle prime ore della notte. All’altro capo del telefono un ragazzino che ha raccontato di un adolescente privo di sensi, riverso su una panchina della stazione.

Come riferisce anche Il Resto del Carlino, immediati sono giunti i soccorsi ed il 15enne è stato trasferito nel reparto di rianimazione, dov’è tuttora ricoverato in gravi condizioni.

Miglior sorte è toccata ad una sua amica, che quella sera era con lui ed è finita in ospedale, al pronto soccorso.

La chiamata ai carabinieri e la ricostruzione della serata

I sanitari, compresa la situazione, allertano i carabinieri. I militari dell’Arma si recano sul luogo in cui è stato rinvenuto il 15enne e proprio lì trovano il flacone vuoto di metadone.

I carabinieri risalgono così al 13enne che ha effettuato la chiamata e lui racconta l’evolversi della serata.

L’amico aveva trovato la boccettina di metadone. Quasi nessuno aveva avuto il coraggio di provarlo, mentre lui ne aveva assunto un bel po’.

Quando si era accasciato sulla panchina, gli amici avevano pensato ad uno scherzo. Poi però era scattato il coprifuoco e loro avevano deciso di tornare a casa, lasciando lì il loro amico.

Uno di loro aveva deciso di allertare un’ambulanza dopo circa due ore. Gli adolescenti presenti al festino sono stati tutti identificati ed interrogati in presenza dei genitori.