Home News Rifiuti zero, 10 consigli e metodi per non sprecare e riutilizzare

Rifiuti zero, 10 consigli e metodi per non sprecare e riutilizzare

CONDIVIDI

Obiettivo rifiuti zero: una lotta che può portare a degli ottimi risultati. Ma come fare? Ecco alcuni consigli da attuare subito!

rifiuti zero

Possiamo vivere tranquillamente arrivando all’obiettivo dei rifiuti zero. Ogni italiano produce circa 605 Kg di rifiuti annui, di cui soltanto una piccola parte viene riciclata nel modo corretto. Possiamo ridurre gli scarti con piccoli accorgimenti, fino a non produrne più.

Consigli e accorgimenti per non produrre rifiuti

Possiamo arrivare a questo obiettivo facilmente, senza impazzire. Basta seguire 10 piccoli consigli e piccoli accorgimenti. Inizialmente vedremo ridurre i nostri rifiuti, insieme ai nostri consumi, spese inutili e ingombri. Potrebbero sembrare dei consigli banali, ma si tratta di modificare la nostra routine, in maniera virtuosa.

  • kit di sopravvivenza: esistono degli oggetti di uso quotidiano che solitamente sono monouso. Possiamo facilmente sostituirli con oggetti lavabili e riutilizzabili. Per prima cosa una bottiglia riutilizzabile preferibilmente in vetro, borse della spesa in stoffa che sono resistenti e riutilizzabili. Infine barattoli di vetro, pratici contenitori multiuso e salvaspazio.
  • acquisti diretti dal contadino: per ridurre le emissioni, risparmiare denaro e avere prodotti di ottima qualità a kilometro zero, potremo acquistare dal contadino, al mercatino rionale o nei farmer’s market. Ridurrete uso d’imballi potrete usare borse riutilizzabili, cesti, cestini, cassette e cartoni.
  • riutilizzare tutto il riutilizzabile: gli oggetti rotti o da gettare possono avere una seconda vita. Lo stesso vale per prodotti riutilizzabili. Una zuppiera rotta potrebbe diventare un vaso per i fiori, uno spazzolino può aiutarti nella pulizia degli angoli, le vecchie lenzuola, strofinacci possono diventare degli stracci della polvere.
  • butta gli oggetti distrutti: prima di gettare un oggetto, abiti chiediamoci se possiamo vendere, scambiare o riutilizzato, anche in maniera creativa. per dar vita a nuove funzioni o ad attività ricreative ed educative da condividere, magari con i bambini. L’arte del riciclo è una fonte inesauribile di idee e ispirazioni sempre nuove da condividere con tutta la famiglia.
  • cuocere con la pentola a pressione: permette cotture veloci, in grado di non disperdere i nutrienti. Utilizzerete meno gas, dato che i tempi di cottura si dimezzano. Questo ci permetterà di evitare l’acquisto di cibi precotti.
  • addio al monouso: per arrivare ai rifiuti zero si deve dire addio ai prodotti usa e getta. Possiamo dire addio ai panni monouso, tovaglioli di carta usando panni superassorbenti in microfibra e tovaglioli di stoffa.
  • oggetti per l’igiene da riutilizzare: possiamo curare la nostra igiene personale, tornano alla vecchia saponetta solida al posto dei saponi liquidi. Altro accorgimento è tornare rasoi con lama intercambiabile anziché quelli usa e getta. Insomma torniamo al riutilizzo.
  • prodotti sfusi: esistono negozi che vendono prodotti d’uso comune anche non alimentari sfusi. Voi portate il contenitore e acquistate quello che vi serve. Le eventuali date di scadenza sono riportate sulla confezione principale e vi verrà riportato sul contenitore.
  • diminuite i detergenti: affidatevi a metodi naturali, poco costosi e più eco friendly. Per esempio il sapone di Marsiglia è ottimo, bicarbonato, aceto, sale e limone sono validi prodotti per pulire casa. Possiamo sgrassare, pulire le superfici, evitando l’uso di prodotti chimici, che possono essere dannosi per la nostra salute e l’ambiente. Inoltre, produrremmo meno spazzatura, soprattutto di plastica.
  • hobby e fai da te: possiamo produrre moltissime cose come i cosmetici, saponi, balsami, butto cacao, esfolianti…possiamo produrli da soli con ricette naturali, senza chimica dannosa all’ambiente e senza immettere plastica.