Home News Riaccredito Bonus Vacanze se il soggiorno costa MENO di 500€? Nessun dubbio

Riaccredito Bonus Vacanze se il soggiorno costa MENO di 500€? Nessun dubbio

CONDIVIDI

È previsto un riaccredito del Bonus Vacanze se il soggiorno che si vuole prenotare costa MENO di 500 oppure no? Tutte le informazioni utili.

banconote euro riaccredito bonus

Sarà possibile avere un riaccredito del Bonus Vacanze nel caso in cui il soggiorno che si vuole prenotare costasse MENO di 500€? Non ci sono dubbi in merito.

Il Bonus Vacanze 2020 potrà essere richiesto dal 1 Luglio 2020 e fa parte del Decreto Rilancio che dovrebbe aiutare il settore turistico italiano a ripartire dopo il pesante colpo della pandemia globale.

Il Bonus Vacanze ha un doppio obiettivo:

  • aiutare il settore turistico a ripartire
  • aiutare economicamente gli italiani ad andare in vacanza

Lo Stato mette a disposizione 2,4 miliardi di euro per questa manovra economica che ridarà respiro agli italiani.

Il Bonus Vacanze 2020 ammonta a:

  • 500 euro per i nuclei familiari composti da più di 3 persone
  • 300 euro per le famiglie di 2 persone
  • 150 euro per i nuclei monofamiliari

Ma se il soggiorno che si vuole prenotare costasse meno di quanto si ha disposizione con il Bonus Vacanze, sarà possibile ricevere un riaccredito della cifra non usufruita?

Scopriamo cosa fare con i soldi rimasti del voucher.

Riaccredito Bonus Vacanze 2020

Il Bonus Vacanze potrà essere richiesto dal 1 Luglio grazie all’App IO ma solo dalle famiglie che hanno un ISEE non superiore a 40.000€.

I cittadini che risulteranno idonei potranno utilizzare il credito di imposta dal 1 Luglio al 31 Dicembre 2020 in strutture convenzionate su tutto il territorio nazionale.

Si potrà usufruire comodamente del bonus in via digitale e basterà esibire lo smartphone all’esercente coinvolto nella prenotazione.

È importante sottolineare che il bonus potrà essere speso in un’unica soluzione all’interno di una struttura ricettiva abilitata senza intermediari che gestiscono portali telematici diversi dalle agenzie di viaggio o dai tour operator (es: Airbnb, Booking,…).

Non è obbligatorio per le strutture aderire a questa iniziativa perciò è bene informarsi sull’avvenuto adeguamento prima di prenotare.

Non potendo sfruttare il Bonus Vacanze 2020 in più soluzioni gli italiani dovranno sfruttarlo in un unico soggiorno. Ma se il costo del soggiorno fosse minore rispetto alla somma di bonus a disposizione?

Sarà possibile accreditare la somma rimanente sul conto del beneficiario del bonus?

Non ci sono dubbi in merito: tale possibilità è purtroppo totalmente esclusa!

È stato ben specificato che nel caso in cui la somma del bonus vacanze sia superiore al costo della vacanza prenotata non ci saranno riaccrediti.

La somma non spesa non rimarrà a credito del beneficiario del bonus e la struttura non sarà obbligata a restituire i soldi.

Non potendo riaccreditare la somma non spesa in conclusione meglio prenotare un giorno di vacanza in più in questo caso!

LettoQuotidiano.it è stato selezionato nella nuova app di Google News. Per rimanere sempre aggiornato clicca qui e poi sulla stellina “Segui”