Home Spettacolo Regina Elisabetta “Ha sparato per uccidere”: la rivelazione agghiacciante del tentato omicidio

Regina Elisabetta “Ha sparato per uccidere”: la rivelazione agghiacciante del tentato omicidio

CONDIVIDI

Emergono dei dettagli importanti sulla Regina Elisabetta e sul tentato omicidio. Un documento secretato e svelato da alcuni media che hanno sconvolto l’opinione pubblica

Regina Elisabetta
Regina Elisabetta

La Regina Elisabetta, una donna dai tanti segreti e impegni he non lascia mai trasparire le sue emozioni. Ma perché si parla di tentato omicidio?

La sovrana tra famiglia e impegni

Una donna che sin da piccola sapeva che il suo destino sarebbe stato regnare il Regno Unito e si è ritrovata a farlo da giovanissima. Un amore eterno quello con il Principe Filippo e quattro figli per la quale vi abbiamo svelato quel segreto – o passo falso – difficile da digerire.

Impegni, famiglia, gossip e un lutto così grande da sopportare – quello della Principessa Diana Spencer – dove riprendersi non è stato facile. Oggi è la Sovrana più longeva del Regno e una bisnonna fiera di essere arrivata sino qui.

Ma emerge un documento segreto di un qualcosa che l’ha profondamente scossa e mai si sarebbe aspettata di affrontare.

Il documento segreto del tentato omicidio

E’ il 1981 quando la Sovrana si reca in Nuova Zelanda per un incontro molto importante. E’ proprio in quel momento che un adolescente del luogo cerca di ucciderla con un colpo di pistola a lei diretto.

In un primo momento le persone presenti hanno pensato a dei fuochi artificiali e la notizia non viene divulgata ai media, ma nascosta dai servizi segreti.

Dopo alcuni anni Reuters fa emergere la verità di quel giorno, che avrebbe potuto mettere fine al suo Regno:

“ha sparato per ucciderla”

All’interno dei documenti dell’intelligence della Nuova Zelanda si evince che il ragazzino adolescente – Christopher Lewis di 17 anni – ha cercato di ucciderla mentre usciva dall’auto. La sua arma però non era ben posizionata e la distanza era notevole per un fucile di quella entità – tanto da non riuscire a colpirla.

I servizi segreti lo descrivono come un ragazzino disturbato e non è mai stato accusato di tentato omicidio o tradimento, al fine di evitare un grande imbarazzo.