Home Cronaca Reggio Emilia, aggrediscono una coppia e stuprano lei: arrestati 2 clandestini e...

Reggio Emilia, aggrediscono una coppia e stuprano lei: arrestati 2 clandestini e 3 connazionali

CONDIVIDI

La violenza è avvenuta tra Novellara e Correggio. I due fidanzati sono stati aggrediti mentre si trovavano a bordo di uno scooter.

aggressione reggio emilia

La ragazza è stata trascinata in un’abitazione in campagna ed è stata violentata.

Aggressione a Reggio Emilia

Li hanno sorpresi mentre erano in auto sulla strada tra Novellara e Correggio, in provincia di Reggio Emilia. È così che due fidanzati sono stati aggrediti la notte scorsa da un gruppo di clandestini nordafricani.

È lo scenario della violenta aggressione avvenuta lunedì sera: l’auto della coppia è stata bloccata da due motorini che l’hanno affiancata e costretta a fermarsi.

I due sono stati aggrediti e bloccati con un coltello. L’uomo è stato abbandonato sanguinante in strada, la ragazza, costretta a scendere dall’auto è stata portata in una vigna, poi in un’abitazione lì vicina, dove è stata ripetutamente violentata.

Arrestati cinque clandestini nordafricani

Per quella violenta aggressione sono stati arrestati dai carabinieri di Correggio e Novellara cinque nordafricani: si tratta di Rafik Fadli, 24 anni, Mustapjha Fadli, 29 anni, entrambi clandestini, Mohamed Benabbou, 43 anni, Abdeljabar Lahoudigad, 26 anni e una donna, Ghizlane Hassouni, 25 anni. 

Sembra che la coppia conoscesse i suoi aggressori. La vittima della violenza, una marocchina di 37 anni, risiede a Reggio, il fidanzato, 34, vive a Sorbolo di Parma.

Come riferisce anche Il Resto del Carlino, resta ancora da accertare il motivo della violenta aggressione. I due fidanzati sono stati condotti in ospedale, dove sono tuttora ricoverati, ma non sarebbero in pericolo di vita.

A lanciare l’allarme è stato un passante, che ha notato il 34enne sanguinante ed ha allertato i soccorsi. I cinque arrestati sono ora accusati di di lesioni aggravate, sequestro di persona, violenza privata e violenza sessuale.

Nell’abitazione teatro della violenza sono stati rinvenuti gli abiti ancora sporchi di sangue della vittima.