Home Cronaca Reggio Calabria: trattato come caso covid, muore a 51 anni per una...

Reggio Calabria: trattato come caso covid, muore a 51 anni per una setticemia

CONDIVIDI

Il fratello della vittima ha presentato una denuncia, chiedendo che siano accertate eventuali responsabilità.

morto setticemia ospedale

Il 51enne è morto al Pronto soccorso dell’ospedale del capoluogo.

Il ricovero, poi il decesso

Si chiamava Maurizio Frana, il 51enne di Polistena morto qualche giorno fa per una setticemia.

Il paziente è arrivato poco dopo le 9 del mattino del 29 dicembre scorso all’ospedale di Polistena.

Alle 17.30, dopo i primi risultati degli esami di routine, il 51enne viene trasferito all’ospedale Riuniti di Reggio Calabria, per sospetto covid.

Giunti al nosocomio reggino, il 51enne viene sottoposto al tampone, che dà esito negativo.

A raccontare la sua storia, dal finale drammatico, è il fratello Massimo.

Dopo circa 13 ore da quel primo ricovero in ospedale, Maurizio Frana muore al pronto soccorso del Grande ospedale metropolitano di Reggio Calabria.

Il decesso è causato da uno choc da stato settico. 

La denuncia

Il fratello di Maurizio Frana, come riferisce anche Fanpage, ha presentato regolare denuncia, chiedendo che siano accertate eventuali responsabilità per la morte del 51enne.

In un lungo post pubblicato sulla sua pagina Facebook, Massimo Frana racconta il precedente ricovero della vittima.

Maurizio aveva infatti subito un intervento ad una gamba nel mese di luglio e anche in quella occasione gli era stato eseguito un tampone, che aveva dato esito negativo.

L’intervento non era perfettamente riuscito e quindi a settembre Maurizio era tornato sotto i ferri, sottoponendosi ad un secondo tampone, che aveva dato il medesimo risultato del primo.

A seguito di quelle operazioni si recava quasi tutti i giorni all’ospedale, per essere medicato, anche se i dolori alla gamba non lo avevano mai abbandonato.

“Per setticemia si moriva ancora nell’Ottocento. Da allora, la medicina ha fatto notevoli progressi. Non lascerò nulla di intentato per individuare e colpire possibili responsabilità”

si legge nel lungo post, indirizzato al sindaco di Polistena, Marco Policaro.