Home News Reddito di Emergenza e Reddito di Cittadinanza si possono percepire insieme? Facciamo...

Reddito di Emergenza e Reddito di Cittadinanza si possono percepire insieme? Facciamo chiarezza!

CONDIVIDI

Reddito di Emergenza è compatibile o incompatibile con il Reddito di Cittadinanza?

banconote europee – iStock

Al via le domande per richiedere il Reddito di Emergenza: sono già oltre 100.000 le istanze presentate all’INPS in meno di una settimana. A rivelarlo è una nota dell’INPS.

Il Reddito di Emergenza è una misura straordinaria di sostegno al reddito introdotta dall’articolo 82 del decreto legge n. 34 del 19 maggio 2020 per supportare i nuclei familiari in condizioni di difficoltà economica causata dall’emergenza epidemiologica da COVID-19.

Previsto dal DL 34/2020 per supportare le famiglie in difficoltà economica a causa dell’emergenza epidemiologica da COVID-19, il Reddito di Emergenza è subordinato al possesso dei requisiti di residenza, economici, patrimoniali e reddituali.

Uno dei dubbi e delle richieste pervenute alla Redazione di Letto Quotidiano riguarda la possibilità o meno di integrare il Reddito di Cittadinanza con il Reddito di Emergenza.

Dunque, Reddito di Cittadinanza e Reddito di Emergenza sono compatibili o meno? Se inizialmente si era parlato di una compatibilità tra reddito di emergenza e reddito di cittadinanza, a chiarire il dubbio è il Decreto Rilancio che ha sancito l’incompatibilità tra le due misure economiche.

Reddito di Emergenza: soggetti esclusi

Dal Reddito di Emergenza sono esclusi i nuclei familiari che:

  • beneficiano del reddito di cittadinanza
  • abbiano anche un solo componente che ha beneficiato di una delle indennità previste dal Decreto Cura Italia del 17 marzo 2020
  • abbiano anche un solo componente titolare di pensione
  • abbiano componenti titolari di rapporto di lavoro dipendente la cui retribuzione è superiore all’importo del reddito di emergenza mensili.

Reddito Emergenza: quali sono i requisiti necessari?

I requisiti necessari per richiedere e presentare la domanda all’INPS sono:

  • residenza in Italia al momento della domanda,
  • un valore del reddito familiare, nel mese di aprile 2020, inferiore a una soglia pari all’ammontare del beneficio,
  • un valore ISEE, attestato dalla DSU valida al momento di presentazione della domanda, inferiore a 15.000 euro,
  • un valore del patrimonio mobiliare familiare inferiore a 10.000 euro. La soglia è accresciuta di 5.000 europer ogni componente successivo al primo (fino a un massimo di 20.000 euro), in presenza di un componente in condizione di disabilità grave o di non autosufficienza come definite ai fini ISEE.

LettoQuotidiano.it è stato selezionato nella nuova app di Google News. Per rimanere sempre aggiornato clicca qui e poi sulla stellina “Segui”